Operazione congiunta della Guardia Costiera e della Polizia. Due uomini arrestati.

2287

Guardia Costiera e PoliziaIl furto di benzina ormai è un reato che si ripete giornalmente, ma non solo il furto a mezzi pensanti e auto, ma anche a mezzi marini. I furti non si arrestano, ma a rendere la vita difficile ci pensano i militari della Guardia Costiera di Palermo, che proprio oggi, in collaborazione con personale delle Volanti della Polizia di Stato, nel corso della programmata attività di controllo e vigilanza della aree portuali, hanno proceduto all’arresto, in flagranza di reato, di due pregiudicati palermitani intenti a rubare benzina da alcune unità da diporto ormeggiate in zona Cala del Porto di Palermo.

I fatti: Erano passata da poco mezzanotte e i militari notavano due soggetti, G.C. e G.D., padre e figlio, aggirarsi, con fare sospetto, su un natante ormeggiato presso la Cala in prossimità degli ormeggi delle Unità Navali della Guardia Costiera. I sospettati spaventati dalla presenza dei militari si allontanavano, ma solo per ritornare dopo un’ora e completare il furto di benzina ai danni di una unità da diporto. Ma i militari, ben appostati e che avevano capito cosa volevano architettare i due, li hanno aspettati e arrestati in flagranza di reato. Dopo un attenta e certosina indagine sul luogo del misfatto, i militari hanno rinvenuto e sequestrato gli attrezzi da scasso utilizzati dai malviventi. Del tutto veniva immediatamente informata l’Autorità Giudiziaria la quale convalidava l’arresto e disponeva il processo per direttissima.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteDonate ai bambini delle scuole le piantine dell’albero di Natale di piazza Ciullo
Articolo successivoSconfitta per la S. Francesco di Paola sul campo del Custonaci.