Condannato Mazzara, prescrizione dietro l’angolo

3664

michele mazzaraL imprenditore di Dattilo colpevole ma senza aggravante mafiosa

Il “Berlusconi di Dattilo”, al secolo Michele Mazzara, è uscito condannato dal processo che lo ha visto imputato di intestazione fittizia di beni. La sentenza è stata emessa nel tardo pomeriggio di oggi. Il pm Andrea Tarondo aveva chiesto una condanna a tre anni e sei mesi, i giudici hanno inflitto a Mazzara 4 anni e 3 mesi . Condannato anche Francesco Spezia 3 anni e 6 mesi; non doversi procedere per prescrizione  per Antonella Agosta, per loro l’accusa era identica a quella contestata a Mazzara. Michele Mazzara, 54 anni, “è la classica figura dell’uomo ponte, tra la mafia e la politica”. Su questo aveva parecchio insistito il pm Tarondo nella requisitoria, ma i giudici per tutti gli imputati hanno escluso l’aggravante di avere favorito la mafia, cosa questa che determinerà la prescrizione tra pochi mesi , hanno però contestato a Mazzara la recidiva . Mazzara era stato arrestato nell’operazione antimafia Eden e attualmente è soggetto a procedimento di misura di prevenzione .

Nel 97 Mazzara patteggiò a 14 mesi una condanna per favoreggiamento alla latitanza del super boss Matteo Messina Denaro e del suo allora braccio destro, il mazarese Vincenzo Sinacori, diventato collaboratore di giustizia, pochi giorni dopo la sua cattura. Nel processo odierno a incastrarlo anche le intercettazioni: “in qualsiasi cosa non compare Michele […] non ha niente intestato … tutte cose lui ha … gare di appalto … cose… fa quello di là … e sono tutte cose di Michele … […] mezzi e cose .. che ha … tutte cose di Michele sono…”; ed ancora : “Franco ... tempo fa … aveva … scarpe tutte bucate … io lo so per certo … perché lo hanno chiamato una volta Salvatore e suo padre per fare una strada in campagna ed è venuto con un camion mal messo. Insomma: di punto in bianco lui fa questo incontro con Michele … conosce Michele … Michele ha individuato una persona debole da mettere sotto le sue grinfie e farci ciò che vuole … hai capito? E di conseguenza è nata questa cosa … e lui ha iniziato a mettersi camicie firmate”. Con l’ odierna condanna i giudici hanno deciso la confisca dell’impresa edile Spefra.  Parte civile nel processo si sono costituite Libera con gli avvocati Rando è Grassa e il centro “Pio La Torre” di Palermo con l’avvocato Ettore Barcellona. Per le parti civili decisi risarcimenti cadauna per 10 mila euro

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“Il criminale delle evasioni fiscali”. Video
Articolo successivoUn comune che non vuole ricevere i soldi delle tasse, errato l’IBAN nella TARI alcamese
Rino Giacalone
Rino Giacalone, direttore responsabile e cronista di periferia. Vive nel capoluogo trapanese sin dalla sua nascita. Penna instancabile al servizio del territorio e alla ricerca della verità.