Sicilia è l’Isola che non c’è

1432

Sicilia pugnalataVolare via non si può, visto i ritardi troppo frequenti negli aeroporti, non si può girare all’interno visto il ventennale disinteresse dell’Anas e le responsabilità politiche a tutti i livelli, infine le difficoltà di Telecom a garantire la copertura della rete internet nelle zone turistiche. Ecco a voi l’Isola che non c’è, la Sicilia, tagliata fuori da tutto.

Cosa succede? Roma si prende i soldi destinati agli aeroporti, alle strade, alla banda ultralarga per le città siciliane. Insomma la Sicilia dimenticata è stritolata dai ritardi della Regione e da scelte, quantomeno discutibili, del Governo nazionale. I fondi Pac destinati agli enti locali non spesi a settembre 2014 se li è ripresi lo Stato, quindi niente fondi niente di niente. La Sicilia martoriata tra difensori dell’era “romantica” e assurdi personaggi che accusano: ma se non li spendete o non li sapete spendere. Se lo Stato in passato avesse attuato politiche serie e coloro che si sono susseguiti al governo della Regione non fossero stati dei passacarte dello Stato, oggi parleremo di una Regione diversa, quindi che lo Stato non prenda scuse e che il Governo regionale si smuova, i cittadini siciliani non possono essere ancora considerati e visti come cittadini di serie D.

Manca solo che tolgono la Sicilia dalla carta geografica.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteABC invita il Movimento 5 Stelle a presentarsi insieme alle prossime elezioni di Primavera contro la “mala politica”
Articolo successivoAgrigento vs Pallacanestro Trapani, altra amichevole per un campionato da protagonisti
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.