“Cari mostri”: gli amati e cari mostri dentro e fuori di noi

1888

cari mostriL’ultima raccolta di racconti di Stefano Benni si intitola “Cari mostri” ed è l’insieme di 25 storie a tratti raccapriccianti e inquietanti. L’horror sembra essere il filo conduttore dell’ultima fatica dello scrittore bolognese ma a ben leggere i racconti una verità più terrificante sembra emergere dall’opera, il vero oscuro, il lato più terribile altro non è che l’altra faccia della medaglia di noi stessi. Vite quotidiane, apparenti equilibri urbani e domestici che celano una profonda quanto terribile sensazione di vuoto e angoscia quando non sono altro che la superficie più apparente.

Non mancano le solite venature grottesche e comiche dello scrittore ma anche queste ben si prestano a raccontare una realtà fatta di corse sfrenate verso il bisogno di possedere cose, di essere potenti, di mettere se stessi al di sopra di tutto e tutti. Un narcisismo e un egoismo tanto sfrenati quanto capaci di fare da trampolino a crimini indicibili.

Il libro è ricco di rimandi alla letteratura e alle classiche storie dell’orrore per cui non mancano riferimenti all’immenso Edgar Allan Poe o alla storia di Lochness. Non mancano esempi più recenti, come la storia davvero particolare che racconta da un altro punto di vista quella che potrebbe essere stata la vita del re del pop Micheal Jackson, personaggio non meno oscuro di tanti protagonisti di storie fantastiche.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“I paesaggi dell’anima”, mostra personale dell’artista Franco Melia al Castello Arabo Normanno
Articolo successivo“Tutelare le grotte ed i reperti archeologici di monte Inici” Prosegue l’iter per l’istituzione della riserva naturale
Simona De Simone
Simona De Simone, psicologa e psicoterapeuta. Divoratrice instancabile di libri e del buon cibo. Appassionata di scrittura e mamma di Alqamah sin dal principio.