Via Rosario Livatino: una vergogna made in Castellammare

2816

DSCN2524CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Sono tante le segnalazioni che ci arrivano sulle condizioni delle strade di Castellammare del Golfo, ma quella che stupisce di più è la via Rosario Livatino.

“Una vergogna che continua da parecchi anni” spiegano alcuni residenti. Infatti da anni le condizioni della strada non sono migliorate tanto. La strada in questione non è una strada centrale del paese, si trova quasi in periferia quindi percorsa più che altro dai residenti ma che nel periodo estivo diventa di fondamentale importanza per la viabilità castellammarese. “Sicuramente i nostri amministratori non passano mai da questa strada, forse neanche la conoscono – spiegano -, tranne nel periodo estivo che obbligano molti automobilisti a percorrere proprio questa strada per raggiungere il centro storico.”

Le foto sono chiare e dimostrano come negli anni i mancati interventi hanno trasformato la strada in un vero e proprio campo minato, con crateri davvero impressionanti. I residenti, stanchi dello slalom quotidiano, cercano di farsi sentire e chiedono interventi urgenti: “Qualcuno ha aggiustato qualche buca a proprie spese, ma con le prime piogge la situazione torna peggio di prima, siamo stanchi e chiediamo interventi urgenti!”.

Oltre alla via Rosario Livatino, si registrano buche pericolose in via Segesta, via Leonardo Da Vinci, piazza Petrolo, via San Paolo della Croce, contrada Gemma D’Oro, via Sandro Pertini, via Suor Maria della Croce Di Gregorio (anche questa via si trova in condizioni disastrose da più di un anno) e in molte altre vie del centro storico.

[nggallery id=278]

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCastelvetrano: Rapinata nel sonno da 3 uomini a volto scoperto
Articolo successivoVerso il processo per la morte del piccolo Lorenz. Archiviata l’accusa per maltrattamenti nei confronti del padre
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.