Il Vescovo Fragnelli nel carcere di San Giuliano per la Lavanda dei piedi, gesto di fratellanza e attenzione

759

Giovedi_Santo_Coena_Domini (1019)TRAPANI – “Quando dunque ebbe lavato loro i piedi e riprese le vesti, sedette di nuovo e disse loro: Sapete ciò che vi ho fatto? Voi mi chiamate Maestro e Signore e dite bene, perché lo sono. Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i vostri piedi, anche voi dovete lavarvi i piedi gli uni gli altri. Vi ho dato infatti l’esempio, perché come ho fatto io, facciate anche voi.”  (Giovanni 13,12-15).

L’esempio di Gesù è stato seguito dal vescovo Pietro Maria Fragnelli che ha lavato e baciato i piedi a 12 detenuti del carcere di San Giuliano. Sempre sulla scia, tracciata da Cristo, le parole del Vescovo: “Come prete e come vescovo devo essere al vostro servizio. Ma anche voi aiutateci, aiutiamoci l’uno con l’altro”. La “lavanda” ai detenuti è stato anche un messaggio: la Chiesa e la città non possono rimanere indifferenti alla presenza della casa circondariale nel proprio territorio

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl Consigliere D’Angelo lascia Patto per Alcamo e aderisce al Gruppo Misto
Articolo successivo“Erano tutti figli miei” di Arthur Miller in scena al Teatro Cielo D’Alcamo
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.