Trapani: un uomo appicca fuoco al fratello

886

TRAPANI. Il gesto folle di un figlio che stava trasformando una lite tra familiari in tragedia. E’ avvenuto a Trapani dove un litigio tra fratelli ha spinto uno dei due, Emanuele Martines, 27 anni, a spargere della benzina sull’altro e ad appiccare fuoco. Non soddisfatto, l’uomo ha poi pensato di dare fuoco a tutto l’appartamento, spargendo dell’olio per favorire la diffusione del rogo dentro la casa. L’ episodio si è verificato in casa dello stesso, in via Palermo, dove Martines, con precedenti per reati contro il patrimonio, vive con la famiglia. L’intervento tempestivo del padre ha sottratto il ragazzo alle fiamme causandogli numerose ustioni. All’arrivo della Polizia l’ uomo ha tentato la fuga, ma è stato fermato dagli agenti dopo una colluttazione, che gli ha comportato una denucia di resistenza a pubblico ufficiale, oltre che l’immediata reclusione all’interno del carcere di Trapani. Il fratello ha riportato delle importanti ustioni che hanno comportato un immediato trasferimento presso il Centro grandi ustioni di Palermo. Il padre ha subito, invece, dei danni visibili, ma di lieve entità. Uno dei poliziotti è stato inoltre medicato, riportando delle ferite lievi dovute alla colluttazione con Martines. Dunque, una vera e propria tragedia sfiorata causata da motivazioni legate a questioni familiari che ha avuto buon esito solo grazie al tempestivo intervento della Polizia e dei Vigili del fuoco che hanno messo in sicurezza l’edificio.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIacolino: “la riorganizzazione ospedali e punti nascita va concordata con i territori”
Articolo successivoCaldarella occupa il comune. Alcamo ha la possibilità di risollevare la sua economia.