Ospedale di Alcamo, Anfiteatro zona Orto di Ballo working in progress

745
ALCAMO- Buone nuove dalla Giunta Bonventre. Finalmente arrivano segnali positivi per i progetti, pensati per migliorare la città, già prima delle scorse elezioni comunali.
Primo tra tutti l’ ospedale di Alcamo. Il progetto di costruzione della nuova struttura prevede un presidio polifunzionale per garantire ai cittadini tutti i servizi sanitari e amministrativi.
Dopo tante polemiche e numerose difficoltà l’amministrazione Bonventre comunica che il piano di realizzazione del nuovo presidio sanitario, l’ospedale S.Vito e S.Spirito, è stato incluso all’interno del piano triennale delle opere pubbliche previsto dall’ azienzda sanitaria provinciale.  La struttura, così come da progetto, verrà realizzata all’interno dell’area comunale.

Ma le notizie buone non finiscono e, stavolta, ad essere oggetto di prossimi interventi di costruzione sarà anche l’anfiteatro nella zona Orto di Ballo. La data per la gara di appalto è stata infatti fissata per il prossimo 20 novembre con il fine di affidare ad una ditta i lavori di costruzione della struttura, considerata costola della cittadella dei giovani. La gara sarà espletata a Trapani presso l’UREGA, l’ufficio regionale per l’espletamento delle gare d’appalto dei lavori pubblici.

E mentre si parla di lavori di costruzione sono stati avviati, invece, i lavori di sistemazione del manto stradale concernenti la SS 113 nel tratto di competenza comunale.
Infine, sono stati pubblicati all’ albo pretorio gli atti dell’avvio del procedimento di esproprio riguardanti le particelle dei terreni da espropriare per realizzare il collegamento viario, esternoall’ abitato di Alcamo, tra la S.S.119 al km 2+370 e la S.S. 113 al Km 331+500 fondamentale per decongestionare il traffico urbano ad Alcamo.
Insomma, una serie di punti di avvio per la definizione di una parte delle “promesse”, così tanto decantate durante la campagna elettorale, che trovano oggi il modo per essere realizzate concretamente, i cui risultati sono veramente tanto attesi dall’intera popolazione alcamese.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedentePronto il Rapporto d’area del Progetto MUSA
Articolo successivoLe “Vie del Vento” a Castellammare