Centrale solare termodinamica a Mazara del Vallo, Fazio presenta un’interrogazione

803

Il deputato regionale Girolamo Fazio, chiede attraverso un’interrogazione, l’intervento del presidente Crocetta e degli assessori regionali al Territorio ed Ambiente ed all’Energia, per scongiurare la realizzazione della centrale solare termodinamica in località Carcitella, in considerazione dell’impatto ambientale che la stessa determinerebbe, stravolgendo l’ecosistema della zona.

Nell’interrogazione, Fazio evidenzia che dopo il grande interesse nei confronti della produzione energetica tramite centrali solari, ritenute a basso impatto ambientale, negli ultimi anni, alcuni studi hanno rilevato una serie di criticità in questo tipo di sistema, considerato invece ad elevato rischio ambientale, tanto da portare il Senato, nel luglio 2009, ad approvare una mozione fortemente critica, nella quale si evidenzia che il solare termodinamico si rivela fonte non completamente ecologica (poiché deve essere combinata con altre fonti non rinnovabili) e poco efficiente, anche sotto l’aspetto economico.

“La centrale solare termodinamica che dovrà sorgere in contrada Carcitella dovrà produrre 50 megawatt al giorno, occupando con gli specchi riflettenti una superficie di circa 200 ettari, in atto coltivati a vigneto e uliveto, che saranno espiantati, e la torre centrale sarà alta 195 metri e determinerebbe senz’altro  – spiega il deputato – un forte impatto ambientale e modifiche dell’ecosistema della zona, tale da indurre ad una più approfondita valutazione sul rapporto costi/benefici”.

Fazio, chiede dunque ai rappresentanti del Governo della Regione di “avviare un confronto con la cittadinanza, coinvolgendo anche esperti del settore, per valutare complessivamente l’impatto che potrebbe avere la realizzazione della centrale solare termodinamica nel territorio di Mazara del Vallo”.

CENTRALE SOLARE TERMODINAMICA A MAZARA DEL VALLO. IL DEPUTATO REGIONALE FAZIO CHIEDE L’INTERVENTO DEL GOVERNO REGIONALE

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“Blue sea land”: incontro tra culture enogastronomiche differenti
Articolo successivoLa Federazine delle associazioni antiracket e antiusura italiane apre un presidio in ogni sede siciliana di Confindustria