Interrogazione del gruppo ABC sulla “movida” alcamese

673

ALCAMO – Continua da diverso tempo il dibattito tra i cittadini che lamentano una situazione di invivibilità del centro storico a causa della gente che affolla, soprattutto durante le ore notturne, piazza Ciullo e le vie limitrofe e le attività commerciali che non fanno altro che svolgere il loro lavoro.

Per tutelare l’interesse delle attività commerciali, che sviluppano economia nel territorio, da parecchio tempo e da più parti si è chiesto all’Amministrazione di provvedere a regolamentare la questione, mediando tra i contrastanti interessi dei residenti e degli esercenti.

Proprio per tale motivo il gruppo consiliare ABC fa un’interrogazione rivolta all’amministrazione: “Malgrado le “solite” rassicurazioni fatte durante i numerosi incontri con gli interessati, a distanza di mesi ancora nessuna risposta ufficiale. Siamo ormai all’inizio della stagione autunnale-invernale, e il Comune non ha ancora predisposto nulla. L’interrogazione del gruppo consiliare  ABC chiede dunque all’Amministrazone perché non sia ancora stato redatto il promesso regolamento comunale e – in assenza di opportuna regolamentazione – a chi vadano addebitate le responsabilità per i disagi subiti dai cittadini. I consiglieri propongono inoltre di istituire un presidio di polizia municipale presso il palazzo di città, così da garantire un controllo ancora più diretto ed efficace del territorio.”

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteA rischio i locali in Via Tenente Manno
Articolo successivoPatto per Alcamo spinge verso un “nuovo soggetto politico”
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.