Revocato l’impegno di spesa sulla richiesta di un parere sul caso Ricupati

644

ALCAMO – Il sindaco Bonventre ha bloccato la determina sindacale del 6 maggio con la quale era stato richiesto un impegno di spesa di € 3.146,00 per un parere sul caso Ricupati.

Difatti era stata avanzata una richiesta all’Avv. Polizzotto di Palermo per stilare un parere sull’opportunità o meno di mantenere ancora in servizio il segretario comunale Ricupati (condannato in primo grado ad un anno di reclusione per abuso d’ufficio e falso) a seguito dell’entrata in vigore del d.lgs. n. 39/13 che prevede che i condannati per delitti contro la Pubblica Amministrazione, anche in via non definitiva, non potranno ricoprire incarichi pubblici per 5 anni.

Dallo stesso decreto si evince però come tale richiesta potesse essere fatta direttamente all’Autorità nazionale anticorruzione o all’Autorità garante della concorrenza e del mercato, rendendo pertanto inutile la spesa preventivata.

Il sindaco ha quindi richiesto il parere all’Autorità nazionale anticorruzione  ottenendo come risposta la sospensiva della pena e la possibilità di far rimanere in servizio nelle funzioni di segretario comunale fino al 3^ grado di giudizio, lasciando così Ricupati nella sua attuale posizione.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteRicupati resta al suo posto
Articolo successivoCondannato per molestie alla figlia