Sequestrati beni a due imprenditori dell’ortofrutticolo a Petrosino

443

PETROSINO –  Sequestrati dalla Dia (Direzione Investigativa Antimafia) un patrimonio di oltre 7 milioni di euro a due imprenditori del settore ortoftrutticolo a Petrosino. I due fratelli Antonio e Massimo Sfraga, legati ai boss Riina e Provenzano, in collaborazione con il clan dei casalesi, sono coinvolti in un’indagine sul monopolio e il traffico di prodotti ortofrutticoli nei mercati di Gela, Catania, Fondi e altri comuni della Sicilia occidentale.

Diversi i beni coinfiscati ai due imprenditori, tra cui immobili, terreni, autocarri e depositi bancari.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCastelvetrano riqualifica il Parco Archeologico di Selinunte
Articolo successivoUn furto di rame minaccia la distribuzione idrica a Trapani.
Marcello Contento
Marcello Contento nasce a Palermo nel 1982, vive la sua vita tra la Sicilia e la Toscana. Giornalista, insegnante di economia aziendale e lettore incallito di Tex e Alan Ford.