“Non ti scordar di me”

936

ERICE. “Con l’indifferenza si muore due volte” è il titolo del convegno in programma oggi alle 9 nell’aula bunker della Casa circondariale “San Giuliano”. Interverranno i giornalisti Luciano Mirone, Riccardo Arena e Giovanni Ingoglia. Fino a lunedì prossimo manifestazioni e incontri per non dimenticare la strage mafiosa di Pizzolungo, avvenuta il 2 aprile 1985, nella quale persero la vita Barbara Rizzo Asta e i suoi due figlioletti. Fu un attentato dinamitardo, con cui la mafia intendeva uccidere il sostituto procuratore Carlo Palermo, uccidendo invece una donna e i suoi due gemellini. Carlo Palermo si stava dirigendo al palazzo di Giustizia di Trapani a bordo della sua auto, seguito dalla scorta. In prossimità dell’auto carica di tritolo, l’auto di Carlo Palermo, supera una Volkswagen Scirocco guidata da Barbara Rizzo, 30 anni, che accompagna a scuola i figli Salvatore e Giuseppe Asta, gemelli di 6 anni. L’utilitaria si viene a trovare tra l’autobomba e la 132 del sostituto procuratore. L’autobomba viene fatta esplodere comunque, nella convinzione che sarebbe saltata in aria anche l’auto di Carlo Palermo. L’esplosione si udì a chilometri di distanza.

La manifestazione propone: lo spettacolo “I captivi… sbagliare, capire, cambiare” a cura di Ivan Alabrese. Giovedì al PalaCardella esibizioni sportive degli alunni delle scuole e degli enti di promozione sportiva. Venerdì alle 9.30, nella sala conferenze a Palazzo del Seminario, il convegno “I ragazzi raccontano…”. Interventi di Dino Petralia, sostituto procuratore al Tribunale di Marsala e degli alunni delle scuole medie e superiori del territorio ericino. Modera Rino Giacalone. Sabato alle 15.30, sempre al Seminario vescovile “Non ti scordar di me. Omaggio a Barbara Rizzo e Salvatore e Giuseppe Asta”. Nel corso della manifestazione a cui parteciperà, tra gli altri, il pubblico ministero della Procura della Repubblica di Trapani Andrea Tarondo, sarà conferita la cittadinanza onoraria di Erice a Giuseppe Gualtieri, già Questore di Trapani, e sarà effettuata la premiazione del concorso “Dalla strage di Pizzolungo… un viaggio tra passato, presente e futuro con l’impegno per il cambiamento”.  Lunedì 2 aprile sul luogo della strage a Pizzolungo a partire dalle 10 la cerimonia ufficiale di commemorazione, alle 15.30 al Seminario vescovile incontro con don Luigi Ciotti, presidente di Libera, e alle 18 con partenza dalla chiesa di San Michele Arcangelo la fiaccolata, che si concluderà davanti la scuola intitolata ai fratellini Asta.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteEmergenza rifiuti a Palermo
Articolo successivo“Vini POP”: nuovo packaging per l’ottimo prodotto siciliano