CARBONARI E UOMINI DI … 3

614

Dopo un bel discorso convincente

di solito v’è il plauso della gente,

che stipata come in una pollaia gabbia,

fa massa ad applaudire il proprio concorrente

e a mugugnare di repressa rabbia

contro il nemico, l’avverso, il perdente.

Che importa se non trovasi concetto,

se quanto detto poi non viene fatto,

se addirittura al posto di promesse

al civico consesso ormai ridotto

a questuanti e servi, si parlasse

d’incarichi, poltrone e posto adatto.

Così in quel che chiamo mio paese,

per quanto il pensiero più borghese

anelerebbe definire cittadina,

ché i numeri ci sarebbero e le chiese,

ma ancora per tal razza contadina

con il baston si lavano le offese.

Vedremo chi sarà poi il vincitore

dell’estrema tenzone e dell’onore

allora, lo diciam senza modestia,

tra uomini trionfanti e di valore

sul carro alato e degno della bestia

troverete il vostro umile cantore.

Ma non saremo i soli, ché son tanti

i prezzolati, i grulli, i prepotenti,

che accorrono al grido di vittoria,

pregando un giorno in terra e uno ai santi,

la lotta per le briciole che infuria,

son sempre più di quanti ne accontenti.

Scusate se la forma non vi aggrada

se faticate a leggere la rima

o se pensate un gioco la mia trama,

ma perché ciò che scrivo non vi leda

con letterato stile mi do un tono

che serva alfine a togliermi d’impaccio.

(Menando vo’ ‘sti versi a casaccio,

come rumen cesoia nel giardino.)

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteOperaio di una ditta alcamese muore sbranato dai cani
Articolo successivoDecisioni del consiglio provinciale di Trapani