Presepe vivente di Custonaci

1738

Ieri è stata l’ultima giornata per visitare il presepe vivente di Custonaci, bellissimo esempio di come si viveva in Sicilia alla fine dell’Ottocento.

Il presepe ha luogo nella grotta e nel piccolo borgo situati ai piedi dello spettacolare monte Cofano ed è una mostra di arti e mestieri tipici della Sicilia di circa duecento anni fa: nelle varie casette che compongono il borgo si possono vedere artigiani all’opera, donne che lavano i panni o cucinano, ricamatrici, attrezzi antichi e, ovviamente, gli animali che si trovavano abitualmente nelle case dei siciliani a quell’epoca. Il percorso comincia con le prime maestranze, si possono ammirare “u vuttaru” (in foto), “u curdaru”, “i picurara” e, dopo aver osservato una bellissima galleria di attrezzi antichi e di persone in costume, si conclude nella suggestiva grotta di Scurati con la Natività: ci sono proprio tutti, persino una capretta con il suo piccolo, e come una bambina mi sono emozionata nel vedere l’agnellino prendere il latte dalla mamma!
Grande folla, dunque, e tantissimi bambini che hanno avuto così la possibilità di osservare come si viveva in Sicilia tanti anni fa, quando non c’erano le comodità e i giochi che hanno al giorno d’oggi e ci si riscaldava anche mangiando delle semplici patate bollite che nella fredda serata di ieri sono arrivate come una manna dal cielo a dare ristoro ai visitatori infreddoliti! Il percorso si è poi concluso con un episodio dell’opera dei pupi con protagonisti Orlando e Rinaldo che si contendono Angelica, così dopo tanti anni ho potuto assistere nuovamente alle battaglie dei paladini di Francia.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAncora aumenti di carburanti
Articolo successivoSabato rapinato un supermercato a Marsala