Scandalo curia: tra gli indagati anche alcamesi

1924

TRAPANI- La Procura di Trapani indaga per truffa, calunnia, diffamazione, minacce ed appropriazione indebita. Sarebbero coinvolte 11 persone tra cui Don Treppiedi, i genitori, Vincenzo e Caterina Barbara, e il fratello Salvatore; Aldo Mirabile e la moglie Antonella Aprile; Luigi De Blasi, amministratore parrocchiale; Antonina Cammisa, Dario De Blasi, Giuseppe Cottone e Filomena Cavarretta. Dalle indagini sono invece esclusi il vescovo Monsignor Francesco Miccichè e Don Saverio Renda, che risultano invece parte lesa. L’accusa per Treppiedi sarebbe la vendita di alcuni immobili tra Alcamo e Calatafimi, i cui ricavi sarebbero finiti “fuori” dalle casse della Diocesi. Per i coniugi Mirabile-Aprile l’accusa invece è lo stalking e la diffamazione, che avrebbero messo in atto nei confronti di Don Saverio Renda e, in parte, anche del vescovo. Accuse simili per gli altri indagati, tutti molto vicini a Don Treppiedi. In particolare, per Giuseppe Cottone e Don Treppiedi vi è l’accusa di aver occultato una valigetta con atti provenienti da un furto ai danni del vescovo e della fondazione Auxilium. Perquisizioni, accuse, diffamazioni… la diocesi trapanese si è trasformata proprio nel contesto perfetto per un giallo dove soldi, potere e mistero sembrano essere diventati il mix perfetto che turba la comunità cattolica locale.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl giusto ritmo per un allenamento corretto
Articolo successivoConsiglio Comunale, finanziamento opere triennali e, a margine, discussione tra Sindaco Scala e il vice Fundarò
Simona De Simone
Simona De Simone, psicologa e psicoterapeuta. Divoratrice instancabile di libri e del buon cibo. Appassionata di scrittura e mamma di Alqamah sin dal principio.