Ad Alcamo non si fermano le proteste per l’ospedale

380

ALCAMO – Dopo le numerose iniziative a difesa della chiusura di alcuni reparti dell’ospedale di Alcamo, la Fials-Confsal e la UIL continuano la loro protesta, dissociandosi dalla nota del Direttore Medico, Francesco Giurlanda. La nota prevede di unificare i turni del personale ausiliario e degli operatori socio-sanitari, in servizio presso il reparto di Cardiologia e l’Unità Operativa di Medicina. Secondo i sindacati, questa decisione porterebbe ad alcuni disservizi nei reparti, che ad oggi operano a pieno regime. Secondo i segretari di Fials-Confsal e Uil, “se la politica dell’Azienda è quella di riciclare, il bacino a cui attingere personale riguarda altri servizi, non certo il reparto di Cardiologia. Basterebbe solo guardare meglio la pianta organica per individuare le scorte utilizzabili o fare un sopralluogo per calarsi nella realtà dei fatti. La lungodegenza è un obiettivo ragguardevole per il nostro ospedale, ma non può essere realizzato mettendo a repentaglio la salute della cittadinanza. Chiediamo al dottor Giurlanda di revocare il suo provvedimento”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAnche le elezioni in Molise parlano siciliano
Articolo successivoNon rispetta gli arresti domiciliari
Marcello Contento
Marcello Contento, nasce a Palermo nel 1982, vive la sua vita tra la Sicilia e la Toscana. Giornalista, insegnante di economia aziendale e lettore incallito di Tex e Alan Ford.