Trapani: La Dia sequestra beni per oltre 11 milioni di euro

350

TRAPANI- La Direzione investigativa di Trapani ha sequestrato  beni immobili e due aziende per la commercializzazione di prodotti ortofrutticoli, per il valore di oltre 11 milioni di euro, ai due fratelli Petrosino, arrestati durante lo scorso aprile. I fratelli lavoravano all’interno dello stesso  settore ed erano stati tratti in arresto per concorrenza illecita con minaccia, violenza aggravata e con l’accusa di avere favorito Cosa Nostra. Alla base degli accordi, infatti,  c’erano  alcuni clan mafiosi e camorristici che avevano l’obiettivo di monopolizzare il mercato del trasporto ortofrutticolo.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteArrestato per aver commesso reati in Romania
Articolo successivoAssolta dall’accusa di aver ucciso la madre