Sticky: La Mafia non vincerà

377

L’ intreccio tra nascita e morte ha un comun denominatore, la mafia. Ieri si è ricordata la morte, durante la strage di Capaci, del giudice Falcone e contemporaneamente a Castellammare del Golfo si è ricordata la nascita di Pier Santi Mattarella, Presidente della Regione Sicilia, ucciso barbaramente dalla mafia. Questi due esempi ancora oggi ispirano tante persone,; il loro  non è solo esempio di lotta, ma di moralità e  buona amministrazione della giustizia e della cosa pubblica. Altra caratteristica, altrettanto importante, che accomuna Falcone e Mattarella è l’aver ostacolato l’intreccio tra politica e mafia, così raccontano le tante indagini e gli accertamenti. Si sa: bisogna arrestare mafiosi, ma mai toccare intrecci con la politica e l’economia. E’ una prassi; la casta non si tocca.

Comunque resta difficile in così poche righe esprimere la grandezza di Falcone e Mattarella, che sono tra coloro che hanno fatto grande la Sicilia. Si può solo ricordare e imparare ancora oggi.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl PD per le elezioni regionali
Articolo successivoPartinico: un arresto per abuso
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.