“Si può denunciare e si può ottenere giustizia”

Pubblicato: martedì, 7 febbraio 2017
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Castellammare, l''indomani della condanna di Turriciano le parole di "Libero Futuro"

L'associazione Libero Futuro, costituitasi parte civile nel processo scaturito dal blitz dei Carabinieri "Cemento del golfo", interviene con un comunicato dopo la condanna inflitta dal gup di Palermo nei confronti dell'imprenditore Vito Turriciano, ritenuto colpevole di associazione mafiosa ed estorsioni. Questo il comunicato: "Dopo meno di un anno è già arrivata la prima condanna per uno dei mafiosi di Castellammare e Alcamo coinvolti nell'operazione Cemento del Golfo. Questa pesante condanna a dodici anni inflitta in abbreviato ci induce a prevedere pene ben più pesanti per gli altri imputati nel processo ordinario (senza sconto) che inizierà presto. Un colpo durissimo alla Mafia di Castellammare che è stato possibile grazie al lavoro delle Forze dell'ordine, della DDA di Palermo ed anche alla collaborazione degli imprenditori assistiti da LiberoFUTURO Castellammare. Dopo l'arresto degli imputati e la conclusione di questo processo Castellammare sarà certamente più libera e meno condizionata dagli interessi mafiosi e noi speriamo che gli imprenditori sani insieme ai cittadini sensibili e responsabili ed alle istituzioni locali assumano un ruolo più attivo e responsabile nella lotta alla mafia. LiberoFUTURO Castellammare, così come ha fatto sin dalla sua nascita proseguirà l'attività di sostegno a chi denuncia e di promozione della legalità. Continueremo, inoltre, ad operare nel settore dei beni sequestrati con la convinzione che per la loro sana gestione sia necessario il coinvolgimento del mondo imprenditoriale e della società civile tutta. Anche a Castellammare si può fare: DENUNCIA COLLETTIVA!".

Letto 1188 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>