La «Maratona italiana Wtka» di arti marziali e sport da combattimento approda a Trapani

Pubblicato: domenica, 29 gennaio 2017
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

La «Maratona italiana Wtka» di arti marziali e sport da combattimento, un circuito di gare che coinvolge l’intero territorio nazionale, approda a Trapani, per la prima volta da quando è nata.

????????????????????????????????????

Proprio a Trapani, infatti, prenderà il via il percorso che consta di nove tappe e che, per il girone sud, coinvolgerà anche le città di Catanzaro e Messina. La gara si svolgerà al Palaconad, Domenica 5 Febbraio 2017 e interesserà gran parte dell’Italia meridionale. Sono attesi circa 500 atleti, provenienti soprattutto da Sicilia e Calabria. La Maratona si concluderà, poi, con una finalissima che si terrà a giugno a Rimini e che sarà riservata ai soli qualificati che si contenderanno sia il titolo italiano che un posto in Nazionale per i prossimi Mondiali unificati Wtka. Una competizione che conta una cinquantina di federazioni internazionali, cinquemila atleti ed oltre cento Paesi partecipanti. «La Sicilia, in questa stagione sportiva, ha avuto una crescita a dir poco entusiasmante – commenta il presidente nazionale della Wtka, Cristiano Radicchi -. Sono 48 le società affiliate e 20 gli atleti convocati in Nazionale che hanno difeso i colori italiani, ottenendo grandi risultati, nell’ultima edizione dei Mondiali unificati di Carrara, che sono stati disputati lo scorso mese di ottobre». Dichiarazioni cui fanno eco quelle del maestro Cesare Belluardo (cintura nera 7° dan), organizzatore della tappa trapanese. Belluardo ricopre per la stessa Wtka Italia il ruolo di presidente per la Sicilia. «Da molti anni desideravo organizzare nella mia città una tappa di questo prestigioso circuito che coinvolge tutta l’Italia – spiega -. Le motivazioni sono da ricercare nell’amore che nutro per la mia terra e nella volontà di dare, ai praticanti locali ed ai miei allievi, la giusta visibilità nella federazione che rappresento orgogliosamente e nella quale ho creduto fin dalla sua nascita, avvenuta oltre dieci anni fa». Poi, un augurio, in vista della gara che si avvicina. "Mi aspetto una grande partecipazione a questo evento perché rappresenta una grande scommessa personale e per la nostra città – continua -. Un buon esito della stessa aprirebbe le porte per futuri eventi di caratura anche maggiore, e rafforzerebbe il connubio tra sport e turismo che fa del nostro territorio un polo di assoluto interesse a livello nazionale e internazionale». Gli atleti dell’Asd Team Sicilia, diretta da Belluardo, parteciperanno numerosi. Punteranno ad acquisire un buon medagliere e, soprattutto, un punteggio che apra loro le porte per la partecipazione alle finali di Rimini. "Nei precedenti mondiali la mia squadra ha conquistato 38 medaglie e 26 titoli mondiali, di cui 12 individuali tra le varie specialità della kick boxing dal tatami al ring ed ancora nel karate, due di squadra nel kick boxing/fight point e le rimanenti nel security self defence, specialità riservata ai settori della difesa personale. Molti Maestri della Provincia non sono stati da meno". Anche la provincia, infatti, si prepara a questa manifestazione. TTrapani vanta un buon bacino di atleti, nel campo delle arti marziali, e specialmente in quello della kick boxing. In Sicilia i praticanti sono in maggioranza bambini e ragazzi, spinti dalla forte valenza educativa di queste discipline".

"Sono felice e soddisfatto, nelle vesti di responsabile regionale, di ciò che abbiamo costruito. Sono stati tanti i dirigenti, i maestri, gli arbitri e soprattutto gli atleti, che nelle ultime stagioni sportive ed in particola modo in quella appena trascorsa hanno contribuito ai risultati raggiunti. A loro va la mia gratitudine".

Comunicato

Letto 1552 volte.
1 Commento
Dì la tua

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>