Visita del Vescovo di Trapani, Mons. Pietro Maria Fragnelli, presso l’hotspot di contrada Milo a Trapani

Pubblicato: venerdì, 23 dicembre 2016
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

_0aa3139aTrapani - Il  Vescovo di Trapani, Mons. Pietro Maria Fragnelli,  ha visitato giovedì 22 dicembre l’hotspot di contrada Milo, accompagnato dal Prefetto, Giuseppe Priolo, ad un anno dalla conversione dell’ex Centro di identificazione e di espulsione di contrada Milo, in centro di accoglienza funzionante quale “hotspot” .

Ad accoglierlo anche il Sindaco, il Questore, i rappresentanti del Comando Provinciale Carabinieri e della Guardia di Finanza, il Comandante della Capitaneria di Porto, il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco, i Comandanti dell’Aeronautica Militare e del IV Reggimento Genio Guastatori di Palermo, nonché il personale medico dell’Azienda Sanitaria Provinciale e le altre componenti, Croce Rossa Italiana e Protezione Civile Regionale, impegnate durante le operazioni di sbarco. Il Prefetto, ha voluto sottolineare che quello di Trapani Milo è stato fra i centri governativi individuati, lo scorso anno, come hotspot, in linea con l'Agenda europea sulle migrazioni nell’ambito di un piano volto a canalizzare gli arrivi in una serie di porti di sbarco selezionati , dove vengono effettuate tutte le procedure previste come lo screening sanitario, la pre-identificazione ed il foto-segnalamento dei migranti.

Nel corso della visita, il Vescovo si è intrattenuto con i rappresentanti ed i dipendenti dell’Ente gestore nonché il personale dell’Ufficio Immigrazione e della Polizia Scientifica della Questura che hanno illustrato il sistema con il quale vengono espletate le apposite procedure operative.

Particolarmente commovente ed intenso l’incontro con i migranti presenti presso il centro, che ha costituito un momento di saluto e di preghiera molto partecipata al di là del credo religioso di ciascuno, come ha voluto sottolineare Mons. Fragnelli, che con espressioni improntate a compassione ed umanità si è anche raccolto nel ricordo delle tante vittime di naufragi nel tentativo di raggiungere le coste italiane . Infatti, giungeva proprio in quei momenti la notizia che di li a poco sarebbe arrivata presso il porto di Trapani una nave con 262 migranti e ben otto salme, che, nel pomeriggio, sarebbero stati accolti da tutte le componenti presenti presso l’hotspot. La visita si è conclusa con gli apprezzamenti del Vescovo per i livelli di accoglienza constatati, improntati al rispetto e alla cura della dignità dei migranti .

Quello del pomeriggio del 22 dicembre è stato il 34° sbarco registratosi a Trapani dal gennaio 2016, che – sommato ai 25 trasferimenti da altri luoghi di sbarco verificatisi in altre città della Sicilia – hanno visto transitare nell’anno in corso dall’hotspot di contrada Milo 19.475 migranti, per i quali sono stati raggiunti i preminenti obiettivi nazionali ed europei dell’accoglienza e del fotosegnalamento .

Ai migranti che sono riusciti a raggiungere le coste trapanesi, si aggiunge il triste numero di 53 vittime, accolte – nel corso dell’anno 2016 - presso il porto di Trapani e che hanno trovato sepoltura nei 24 comuni della provincia.

Letto 872 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>