“CastellammareSi” sulla vicenda Tonnara di Scopello: “Dalla maggioranza uno spettacolo indecoroso”

Pubblicato: martedì, 22 novembre 2016
Vota l\'articolo
19
Vota l\'articolo
4

consiglio-comunale-castellammare-tonara4CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Il gruppo politico “CastellammareSi” alla luce dell’ultima seduta consiliare, si esprime in merito alla decisione presa dalla maggioranza politica e dall’Amministrazione. “La vicenda dei liberi accessi al mare e in particolare quello antistante i Faraglioni di Scopello è stata portata in Consiglio dall’ex consigliere comunale Giacomo Asaro e votata all’unanimità dall’intero Consiglio Comunale già nel 2014. La nostra battaglia per il libero accesso al mare è continuata anche nell’ultima seduta consiliare attraverso la nostra consigliera comunale Brigida Di Simone che, davanti alle titubanze della Giunta Coppola, ha ribadito con forza la necessità dell’azione legale anche in secondo grado non essendoci i tempi tecnici  e le condizioni per qualsivoglia accordo prima della scadenza del termine per ricorrere al CGA.

In questa vicenda – scrivono in un comunicato – esprimiamo il nostro disappunto per le alcuni comportamenti meritevoli di essere stigmatizzati. In primis esprimiamo stupore per le dichiarazioni della presidente dell’associazione albergatori di Castellammare e Scopello la quale entrando inopportunamente e intempestivamente nella discussione politica quale sedicente  portatrice degli interessi della propria associazione ha difeso esclusivamente gli interessi della proprietà della Tonnara. Nella missiva indirizzata al consesso civico il Presidente della predetta associazione ha affermato “ non si può pensare ad un accesso libero, seppur disciplinato, per migliaia di persone solo per un bagno”.castellammare si

Il nostro gruppo si chiede come mai il presidente della predetta Associazione, se davvero avesse voluto assumere una iniziativa politica a tutela del superiore interesse pubblico non abbia avanzato la proposta, certamente più pertinente, di destinare parte della tassa di soggiorno per favorire tutti gli accessi al mare o agli altri siti di  interesse turistico del territorio, piuttosto che cimentarsi a intimare come sovente è accaduto alla politica locale la corresponsione di aggi agli albergatori che riscuotono l’imposta di soggiorno o la imposizione indiscriminata della medesima ai proprietari di appartamenti e in ultimo suggerire al consiglio comunale  di evitare  controversie giuridiche con la proprietà della tonnara. 

Premesso ciò,  si deve purtroppo evidenziare ancora una volta in negativo la conduzione dei lavori consiliari sull’argomento del presidente del Consiglio Comunale che ad inizio della trattazione del punto all’o.d.g. ha letto tutte le missive pervenute ma non ha dato  contezza ai consiglieri che vi era stata una nota riservata al Sindaco inviata dal legale difensore del Comune nella vicenda del libero accesso al mare (che in sostanza incoraggiava l’Amministrazione a proseguire nella battaglia legale essendoci dei margini per avere un ribaltamento favorevole della sentenza del TAR in secondo grado) per poi farlo successivamente dopo i rilievi delle opposizioni. Oggettivamente era lecito aspettarsi da un presidente super-partes a tutela di tutti i consiglieri che egli stesso senza nessuna sollecitazione rivolgesse di sua iniziativa un invito al Sindaco a informare i consiglieri sulle informazioni contenute nella missiva.

Inoltre – sottolineano – uno spettacolo indecoroso è stato offerto da una maggioranza consiliare  per una parte totalmente muta e inebetita, per una parte imbarazzante e parolaia (vedasi il nuovo Centro Destra che aveva dichiarato l’astensione sull’argomento per poi votare favorevolmente con un proprio consigliere la proposta) e per una parte furba e complice che  prepara un emendamento favorevole ad un accordo con la proprietà della Tonnara previo accoglimento di taluni punti tra i quali nemmeno era citata la fruizione del mare antistante i Faraglioni!). Dulcis in fundo il  Partito Democratico (con la lodevole eccezione del consigliere comunale Maltese che con coerenza ha votato sfavorevolmente alla proposta dei suoi colleghi di partito) che ha elaborato l’ennesimo equivoco sub-emendamento  volutamente superficiale che è servito solo da cavallo di Troia per permettere all’Amministrazione Comunale di addivenire ad un accordo in extremis e al ribasso con i proprietari della Tonnara in quanto nella proposta PD tutti i termini dell’accordo rimangono indefiniti e rimandati totalmente  a futura trattativa tra Amministrazione e proprietà della Tonnara.Tonnara_di_Scopello

Il nostro gruppo ritiene ineludibile che si depositi il ricorso al CGA per poi comprendere davvero se la lettera pervenuta nelle ore immediatamente precedenti al consiglio comunale da parte dei proprietari della Tonnara sia un segnale di apertura per un dialogo con essi nelle more dell’iter del ricorso  al CGA.

Infine, – concludono – il gruppo CastellammareSi non può non evidenziare la mancanza di coraggio e la promiscuità avuta dall’Amministrazione Comunale che aveva già ricevuto un inequivocabile atto di indirizzo chiaro, puntuale e preciso da parte del Consiglio Comunale e che in nome di una sbandierata  e ipocrita “partecipazione”  ha sacrificato una battaglia di civiltà sull’altare di beghe e giochetti politici tutti interni alla maggioranza con il risultato che ancora una volta questa politica si dimostra distante e sorda al sentire comune di quei  cittadini che non appartenendo a logge, a potentati e  ad associazioni di categoria, dovrebbero trovare nelle istituzioni politiche un interlocutore serio, coraggioso  e coerente.

 

Letto 788 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>