WaterEvolution, sostenibilità come occasione di rilancio

Pubblicato: sabato, 29 ottobre 2016
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

water-evolutionSi è tenuto mercoledì 26 ottobre, nella splendida cornice di Villa Marigola a San Terenzo di Lerici (SP), l’evento WaterEvolution, promosso dal cantiere navale viareggino VSY, azienda di eccellenza mondiale nel campo dei superyacht, per celebrare l’avvio di un nuovo tavolo di lavoro della nautica italiana, che guarda alla sostenibilità come una straordinaria occasione di rilancio.

L’occasione, alla quale è stato invitato il direttore dell’Area Marina Protetta “Isole Egadi”, Stefano Donati, come rappresentante del sistema delle aree marine protette e esperto del settore, è nata dal primo anniversario del riconoscimento della piattaforma WaterEvolution come “Blue Solution” (esempio di buona pratica per la sostenibilità all’interno delle Nazioni Unite) per l’industria del mare a livello internazionale.

Il modello WaterEvolution, messo a punto dall’istituto di ricerca Eulabor Institute (www.eulaborinstitute.org)e dal cantiere navale VSY (www.vsy.it/vsy-for-waterevolution), consente di migliorare in modo sostanziale l’impronta ecologica delle aziende del settore marittimo ed al tempo stesso di reinvestirne le risorse in programmi di responsabilità ambientale a tutela del mare, con una specifica attenzione per i programmi di conservazione.

In tale contesto, il Direttore dell’AMP Isole Egadi ha evidenziato che “dalle aziende, come VSY, sta partendo una nuova rivoluzione industriale che punta alla ecosostenibilità come chiave del successo sia ambientale che economico. E il sistema delle AMP italiane è maturo per contribuire a questo processo, candidandosi anche come territori dove sperimentare le nuove buone pratiche.”

Fonte: Comunicato
Letto 308 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>