Il molo intitolato a due vittime del mare

Pubblicato: lunedì, 26 maggio 2014
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

felice erranteCASTELVETRANO. E' stato intitolato  alle vittime castelvetranesi a bordo del piroscafo Conte Rosso, affondato durante la grande guerra. Presente  il Sindaco della città di Castelvetrano Selinunte, Avv. Felice Errante,  all’ intitolazione del molo di ponente del porticciolo di Marinella di Selinunte, ai caduti del Conte Rosso, un piroscafo italiano che venne affondato e silurato dal sommergibile inglese “Upholder”,  di fronte a Siracusa il 24 maggio del 1941.

La nave stava trasportando 2729 giovanissimi soldati,1297 furono le vittime, 1055 si inabissarono con la nave, mentre le salme recuperate furono  solo 242. Tra queste non vennero mai  ritrovati i due castelvetranesi che si trovavano a bordo e si chiamavano  Giuseppe Salluzzo e Francesco Campo. L'intitolazione si deve  all’ impegno di Concetta Santangelo, pronipote del soldato Salluzzo, ed alle sue ricerche svolte anche a Siracusa presso l’Associazione Lambda Doria, fino a capire che fine avevano fatto i due soldati dopo le ultime lettere inviate alle famiglie. Da qui l’appello  al primo cittadino perché intitolasse ai due caduti un sito nella nostra città. Grande  merito  va dato anche al presidente dell’Associazione reduci e combattenti di  Castelvetrano,  Lolli Indelicato, per aver  aiutato la donna  nelle ricerche, prima dei gravi problemi  di salute che lo hanno colpito negli ultimi mesi.

La prima parte della manifestazione, alla  quale hanno partecipato alcuni parenti delle vittime, ha visto la presenza del presidente  dell’Associazione Lambda Doria, Alberto Moscuzza, e del primo cittadino, che ha voluto  ricordare il sacrificio dei due concittadini e che, quando la signora Santangelo lo  informò di questa tragedia, ha subito dato il suo assenso per l’intitolazione del molo ai  due giovani e valorosi soldati, perché la memoria è un valore che va salvaguardato. Essendo due marinai , quale migliore occasione se non l'intitolazione di un molo.Alla presenza delle autorità civili e militari si è poi snodato un corteo fino al porticciolo dove, dopo aver scoperto la targa e l’esecuzione dell’inno nazionale, don Alfredo Culoma ha rivolto una preghiera alle vittime di tutte le guerre, a seguire  l’esecuzione del “Silenzio” e la deposizione di  una corona di fiori in mare.

Letto 597 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>