Arrestato imprenditore dichiarato fallito nell’82 ma che ha agito mediante prestanomi

Pubblicato: venerdì, 7 febbraio 2014
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

Calogero Giacalone, detto ‘’Gino’’, 70 anni, imprenditore nel settore del calcestruzzo è accusato dalla Guardia di Finanza della Procura di Marsala di bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale. Dichiarato fallito nel 1986, l’imprenditore arrestato, secondo l’accusa, avrebbe celato il suo status di fallito, costituendo, negli anni, diverse società per la produzione e la commercializzazione del calcestruzzo, anche queste poi dichiarate fallite dal Tribunale di Marsala, intestandole a prestanomi e accumulando debiti per diversi milioni di euro. Il complesso aziendale, infatti, era sempre lo stesso: al civico 367/A di contrada Strasatti, a circa dieci chilometri a sud di Marsala, nella stessa zona in cui il 31 agosto dello scorso anno fu ucciso, a colpi di arma da fuoco, il 67enne Baldassare Marino, amico o comunque conoscente dell’imprenditore arrestato. Marino, inoltre, in passato, aveva anche lavorato per una delle ditte che hanno avuto sede nell’impianto calcestruzzi finito nel mirino degli investigatori.

Letto 378 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>