Operazione “Crimiso”, ammesse le parti civili

Pubblicato: venerdì, 10 maggio 2013
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

PALERMO – Si è svolta ieri l’udienza preliminare dell’operazione “Crimiso” che nel giugno dello scorso anno ha smantellato le cosche mafiose di Alcamo, Castellammare e Calatafimi. Oltre a due dei danneggiati il gup di Palermo ha ricevuto le costituzioni di parte civile dell’associazione Castello Libero onlus di Castellammare, del Comuni di Castellammare e Alcamo, della Federazione antiracket italiana, Confindustria Trapani, Addio Pizzo, dell' associazioni antiracket di Alcamo, Castellammare e Marsala e del Centro Studi Pio La Torre. La prossima udienza è fissata per il 13 giugno e il giudice dovrà pronunciarsi sulla richiesta di rinvio a giudizio proposto dalla Dda per undici imputati: Antonio Bonura, Antonino Bosco, Vincenzo Bosco, Sebastiano Bussa, Vincenzo Campo, Rosario Leo, Salvatore Mercadante, Nicolò Pidone, Diego Rugeri detto “Diego u nico”, Giuseppe Sanfilippo e Michele Sottile. Tutti tranne Vincenzo Bosco sono accusati di associazione a delinquere di stampo mafioso ed altri reati. Vincenzo Bosco è accusato di tentata estorsione. In tale udienza il giudice scioglierà la riserva sulle richieste di costituzione di parte civile.

Letto 536 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>