Falcone e Borsellino uccisi anche per isolamento

Pubblicato: mercoledì, 6 giugno 2012
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

L'ex capomafia, Nino Giuffrè, attualmente pentito, ha espresso la sua opinione sulle stragi di Capaci e di via D'Amelio, durante una deposizione nell'aula bunker del carcere di Rebibbia di Roma. "Oggi in memoria di Falcone e Borsellino si fanno grandi celebrazioni, ma quando erano vivi anche all'interno della magistratura non avevano molti amici e anche questo ha reso forte Totò Riina". Pertanto l'isolamento che circondava i due magistrati uccisi dalla mafia rese ancora più forte Cosa Nostra.

Letto 249 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>