Maltempo: pioggia e vento sferzano Sicilia, strade allagate

594

Allerta rosso per rischio meteo, chiusi scuole e parchi pubblici

GIARDINI NAXOS. Forti temporali accompagnati da violente raffiche di vento interessano dalla notte scorsa la Sicilia Orientale, dove è caduta anche la neve.

Oggi, dopo l’allerta rosso per il rischio meteo idrogeologico e idraulico diramato dalla Protezione civile, molte scuole, parchi pubblici e cimiteri sono chiusi.

In diversi Comuni sono stati attivati i Centri operativi comunali e i sindaci invitano ad uscire solo in caso di necessità. È temporaneamente chiuso al traffico, in entrambe le direzioni, un tratto della strada statale “Orientale Sicula” a causa un allagamento, provocato da una mareggiata, a Santa Margherita (Messina). A Giardini Naxos, sempre nel Messinese, è stata chiusa al transito la via Calcide Eubea, che si trova nei pressi del molo di Schisò particolarmente colpito da onde altre anche cinque metri.
Allagati i lungomari di diverse città costiere ioniche della Sicilia. Porti e strade d’accesso alle zone marinare delle Isole Eolie, che al momento non hanno collegamenti, sono invase dall’acqua salmastra, da pietre e detriti vari. Le isole minori dell’Arcipelago sono isolate da ieri. Spazzaneve sono in azione sui Nebrodi, con spargisale anche su Monte Lauro, dove è stata registrata la presenza anche di ghiaccio, e sulla Statale 124.
L’Etna è innevata anche a quote più basse. A Catania il temporale e il forte vento non hanno per il momento avuto alcun impatto sull’operatività dell’aeroporto internazionale Vincenzo Bellini, ma scuole e università sono chiuse. In provincia si registrano difficoltà nei collegamenti stradali per la pioggia e il vento. Un blackout elettrico negli impianti di adduzione e pompaggio di acqua potabile di San Nicola, causato dalla pioggia caduta abbondante a Siracusa, a creato problemi alla distribuzione dell’acqua in città. Sempre nel capoluogo Aretuseo chiusi due sottopassi allagati e volontari delle Protezione civile regionale monitorano il livello del torrente Cifalino che si sta ingrossando. A Ispica, nel Ragusano, dove è stato chiuso per precauzione il ponte della ferrovia dell’ex Sp86, sono state attivate squadre composte da polizia municipale, tecnici e volontari. (ANSA).

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteDanneggia un’ auto: denunciato un alcamese
Articolo successivoLa Guardia Costiera soccorre una nave mercantile a 5 miglia dal porto di Trapani