Fare IMPRESA in Sicilia, bando in imminente pubblicazione

1897

OBIETTIVO

Per rafforzare la competitività del sistema imprenditoriale siciliano e stimolare il riposizionamento di

settori tradizionali sono concesse agevolazioni, in forma di contributo a fondo perduto e

finanziamento agevolato, per la realizzazione di investimenti tesi a sostenere la crescita e

l’innovazione, agevolare i processi di trasferimento tecnologico, sostenere ricerca e sviluppo, favorire

processi di riconversione e riqualificazione di siti produttivi

DOTAZIONE FINANZIARIA

36 milioni di euro con possibilità di rifinanziamento futuro

BENEFICIARI

piccola e media impresa:

  1. a) in forma singola (impresa proponente)
  2. B) con l’adesione di altre piccole e medie imprese (impresa proponente con imprese aderenti)

AGEVOLAZIONI

Il programma di spesa è agevolato nella misura massima del 75 % con:

– un finanziamento a tasso zero

– un contributo a fondo perduto

L’importo del fondo perduto e del finanziamento agevolato si conoscerà in sede di negoziazione

con l’impresa

SETTORI AMMESSI

Tutti i settori ad esclusione dei settori Produzione primaria di prodotti Agricoli, Pesca e Turismo.

Sono ammissibili programmi di spesa non inferiori a 500 mila euro e non superiori a 5 milioni di euro

per progetti imprenditoriali integrati con progetti di ricerca e sviluppo a sostegno della valorizzazione

economica dell’innovazione e dell’industrializzazione dei risultati della ricerca progetti

imprenditoriali per nuove tecnologie o soluzioni innovative nei processi, nei prodotti/servizi e

nell’organizzazione.

SPESE AMMISSIBILI

– spese per la progettazione e direzione lavori nel limite dl 6% delle spese in opere murarie

– opere murarie e costi di ristrutturazioni (nella misura massima del 30%)

– acquisto di macchinari, impianti, e attrezzature necessari al ciclo produttivo dell’impresa che

possono permettere di introdurre innovazioni di processo e/o di prodotto

– spese per la formazione specialistica del personale (nella misura massima del 20% del programma

di spesa), necessaria per l’introduzione di macchinari/attrezzature/impianti

Innovativi/software/soluzioni tecnologiche

– acquisto di software/brevetti/licenze e soluzioni tecnologiche, necessari alle esigenze produttive e

gestionali

– interventi di ricerca industriale e sviluppo sperimentale

– consulenza in materia di innovazione, messa a disposizione di personale altamente qualificato

– programmi di internazionalizzazione, di marketing, e-business.

Per il bando “Ripresa Sicilia” era prevista pubblicazione per fine luglio 2022, ma si attende pubblicazione per i primi giorni del 2023.

Benedetto La Torre

Dottore commercialista e revisore legale.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteUna donna alla guida del Foro
Articolo successivoLe stelle di Natale AIL tornano in piazza l’8 e l’11 dicembre