Nominati i Sottosegretari e i Vice Ministri del Governo Meloni

621

Via libera alla lista dei vice ministri e dei sottosegretari del governo guidato da Giorgia Meloni. La fumata bianca nel corso del Consiglio dei ministri che si è svolto a Palazzo Chigi. Unico volto siciliano è quello di Matilde Siracusano, parlamentare messinese, che va a ricoprire la casella di sottosegretaria ai Rapporti con il Parlamento. Il nome di Siracusano, compagna del presidente della Regione Calabria Occhiuto e volto di Forza Italia, girava già da qualche giorno.

I vice ministri

Ecco gli otto sottosegretari a cui verrà attribuita la delega di viceministro: Esteri, Edmondo Cirielli (Fdi); Giustizia, Francesco Paolo Sisto (Fi); Mef, Maurizio Leo (Fdi); Mise, Valentino Valentini (Fi); Ambiente, Vannia Gava (Lega); Infrastrutture e trasporti, Galeazzo Bignami (Fdi) ed Edoardo Rixi (Lega); Lavoro e politiche sociali, Maria Teresa Bellucci (Fdi).

I sottosegretari

I nomi dei sottosegretari alla presidenza del Consiglio sono: Alessio Butti (Innovazione), Giovanbattista Fazzolari (Attuazione del programma), Alberto Barachini (Editoria) e Alessandro Morelli (Cipe). Questi gli altri nomi: Giorgio Silli e Maria Tripodi (Esteri); Emanuele Prisco, Wanda Ferro e Nicola Molteni (Interni); Andrea Delmastro Delle Vedove e Andrea Ostellari (Giustizia); Isabella Rauti e Matteo Perego (Difesa); Lucia Albano, Federico Freni e Sandra Savino (Economia); Fausta Bergamotto e Massimo Bitonci (Mise); Claudio Barbaro (Mite); Patrizio La Pietra e Luigi D’Eramo (Agricoltura); Tullio Ferrante (Infrastrutture e trasporti); Claudio Durigon (Lavoro e politiche sociali); Paola Frassinetti (Istruzione); Augusta Montaruli (Università e ricerca); Gianmarco Mazzi, Lucia Borgonzoni e Vittorio Sgarbi (Cultura); Marcello Gemmato (Salute); Giuseppina Castiello e Matilde Siracusano (Rapporti con il Parlamento).

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteTranchida: «il Presidente Schifani acceleri sui ristori, cittadini e imprenditori ne hanno bisogno adesso»
Articolo successivoI padrini dei Nebrodi facevano razzia di fondi comunitari