La DIA sequestra beni per 750 mila euro ad imprenditrice del settore assistenza disabili ed anziani

2578
Foto di repertorio

La Direzione Investigativa Antimafia, articolazione del Dipartimento di Pubblica Sicurezza, su disposizione della Procura della Repubblica di Agrigento, diretta dal Procuratore Dott. Salvatore Vella e del Sostituto Procuratore Gloria Andreoli, ha eseguito un sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente in danno al patrimonio di una imprenditrice agrigentina, attiva nel settore dell’assistenza agli anziani e disabili, indagata per i reati di appropriazione indebita ed auto riciclaggio.

L’attività di indagine economico-finanziaria espletata dagli investigatori della DIA attraverso l’analisi di scritture contabili, libri sociali, movimentazione di rapporti finanziari, nonché copioso altro materiale documentale, ha permesso, sostanzialmente, di ricostruire il modus operandi adottato dai soggetti coinvolti accertando come siano riusciti nel tempo a reimpiegare il denaro provento dell’attività illecita scaturita dalla gestione di una società cooperativa ONLUS.

Il provvedimento di sequestro ha interessato:
• nr. 10 immobili;
• nr. 2 rapporti di conto corrente bancario.

A tal proposito si terrà conferenza stampa presso gli Uffici della Procura della Repubblica di Agrigento.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteMafia: giudici, “Oggi Cuffaro ha un corretto modello di vita”
Articolo successivoVicenda rinomina Lombardo, “riteniamo che la re-investitura risponde ad un solo principio…cioè quello del “cerchio magico””