Le vie dei Tesori debutta ad Alcamo. Verrà presentato domani il programma.

935

Alcamo e i suoi castelli, le chiese rinascimentali e barocche e persino una cisterna araba. Un intenso programma di sette siti, un’esperienza e due passeggiate. 

Alcamo: la “città opulenta e gioconda”, descritta dall’imperatore Carlo V nel 1535, affonda le sue radici nell’antichità tra misteriosi elimi, romani e bizantini: è straordinaria e del tutto inattesa.

Un programma prezioso per il debutto nel festival delle Vie dei Tesori, tra castelli di cui uno arrampicato sulla roccia, chiese rinascimentali e barocche e persino una cisterna araba. Si parte sabato 1 ottobre e si va avanti per tre finesettimana, sabato e domenica, fino al 16 ottobre.

Il programma – costruito in collaborazione con il Comune di Alcamo e UniCredit come main sponsor del Festival – sarà presentato domani 23 settembre alle 10:30, all’auditorium del Collegio dei Gesuiti in piazza Ciullo.

Saranno presenti, per il Comune di Alcamo, il sindaco Domenico Surdi e l’assessore al Turismo e alla Cultura Donatella Bonanno, che ha lavorato al programma; ed ancora per la Fondazione Le Vie dei Tesori Laura Anello e Marcello Barbaro, rispettivamente presidente e vicepresidente.

Dichiarano il Sindaco Domenico Surdi e l’assessore alle attività culturali e al turismo Donatella Bonanno “siamo entusiasti che la nostra Città faccia parte del circuito regionale delle Vie dei Tesori, circuito che valorizza il patrimonio culturale e paesaggistico della Sicilia attraverso attività di racconto, di promozione, di apertura al pubblico dei tesori nascosti dell’Isola, coinvolgendo la comunità. Un’occasione di riappropriazione e riscoperta per i cittadini, un appuntamento straordinario per i turisti che invitiamo a visitare i nostri castelli, le nostre chiese e a passeggiare negli angoli nascosti e preziosi della nostra Città”.

COME PARTECIPARE

Per partecipare a Le Vie dei Tesori basta acquistare il coupon per l’ingresso con visita guidata sul www.leviedeitesori.it o negli infopoint allestiti durante il Festival in ogni città. Un coupon da 18 euro è valido per 10 visite, da 10 euro per 4 visite e da 3 euro è valido per un singolo ingresso. Per le passeggiate è previsto un coupon da 6 euro. Per le esperienze, i coupon sono di valore variabile. Consigliata la prenotazione on line su www.leviedeitesori.com. A chi prenoterà verrà inviata per mail una pagina con un codice QR con giorno/orario di prenotazione da mostrare all’ingresso dei luoghi sul proprio smartphone o stampata. In alternativa, ci si può presentare direttamente all’ingresso dei luoghi mostrando  la pagina con il codice QR ricevuta via mail al momento dell’acquisto, ma si entrerà soltanto se ci sono posti disponibili. I coupon non sono personali e possono essere utilizzati da più visitatori, anche simultaneamente e in posti diversi, fino a esaurimento del loro valore. Per chi è sprovvisto del coupon “multiplo” saranno disponibili nei luoghi solo ticket da 3 euro. Le scuole o i gruppi organizzati possono scrivere a prenotazioni@leviedeitesori.it.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“DON’T TOUCH”: Presentato al cous cous fest il progetto contro la violenza sui minori stranieri
Articolo successivoCorruzione: arrestata candidata FdI a regionali in Sicilia