La Guardia Costiera di Castellammare del Golfo ha tratto in salvo sei turisti stranieri

2801

I militari della Guardia Costiera di Castellammare del Golfo hanno tratto in salvo sei turisti stranieri (5 uomini ed una donna), a bordo di un gommone di 8 metri con motore in avaria, rimasti in balia del vento e della corrente ad oltre 9 miglia dal porto della Città.

Questo il lieto fine dell’attività di soccorso iniziata alle ore 14:30 di lunedì 08 agosto, quando la Sala operativa della Capitaneria di Porto di Trapani riceveva una chiamata di soccorso, tramite cellulare satellitare, da parte di 6 turisti inglesi impossibilitati a continuare la navigazione a causa di un’improvvisa avaria al motore fuoribordo del gommone di 8 metri noleggiato a Palermo.

Infatti, nel corso del viaggio intrapreso, l’improvviso ed inaspettato danneggiamento del motore ha costretto i sei turisti a rimanere fermi a circa 9 miglia a nord del porto di Castellammare, in balia del vento teso e dell’intensa corrente in continua intensificazione nel bel mezzo del Golfo.

Considerata la lontananza dalla costa e le condizioni meteo marine in peggioramento, l’equipaggio della motovedetta CP 719 dell’Ufficio Locale Marittimo di Castellammare del Golfo, non appena avvisato dell’emergenza in corso, mollava subito gli ormeggi, raggiungendo l’unità in difficoltà dopo circa mezz’ora e trasbordando, in sicurezza, tutti i sei turisti, in modo da evitare qualsiasi pericolo causato dal mare formato e dal vento teso presente in zona.

Dopodichè, prestava assistenza al gommone, che veniva rimorchiato in porto da altra unità privata intervenuta ed i sei turisti soccorsi venivano quindi sbarcati, sani e salvi, nel porto dopo circa un’ora dall’intercetto del mezzo in difficoltà.

Il soccorso effettuato, a tutela della salvaguardia della vita umana in mare e della sicurezza della navigazione, è l’occasione per ricordare a tutti i diportisti, prima di iniziare la navigazione programmata, di controllare accuratamente tutte le dotazioni di sicurezza, attrezzature e dispositivi di comunicazione (radio e cellulari), unitamente ai motori dell’unità, avendo altresì cura di consultare le previsioni meteo del giorno, in modo da evitare spiacevoli sorprese durante il viaggio e scongiurare potenziali improvvisi pericoli che, qualora sottovalutati, specialmente ad una considerevole distanza dalla costa, potrebbero causare seri problemi per il conduttore dell’unità e per le persone presenti a bordo.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedentePizzo responsabile provinciale tesseramento Italia al Centro-Sicilia
Articolo successivoIncidenti stradali: due giovani morti nel siracusano