Ancora ArabaFenice 2022: domani la presentazione del libro “La Caduta” e dopodomani il Tatum Art Jazz Quartet

300

ALCAMO. Continuano gli appuntamenti con ArabaFenice 2022 al Castello dei Conti di Modica di Alcamo.

Giovedì 28 luglio alle 19,00 sarà presentato il libro “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994” (Ed. Rubettino) di Calogero Pumilia, già deputato regionale, parlamentare nazionale e sottosegretario di Stato, oggi Presidente della Fondazione Orestiadi. Ne discute con l’autore il giornalista Rai Mario Azzolini.

L’elezione alla Camera dei deputati nel 1972 è lo spartiacque dal quale riprende la narrazione che si fermerà al 1994, crocevia nel quale il Paese prese una strada nuova rispetto a quella percorsa dal 1946. I fatti sono raccontati con l’obiettività possibile a chi di essi è stato parte, conoscendo direttamente la difficoltà di conciliare i valori proclamati con la pratica del governo, il cinismo e l’incapacità di alcuni protagonisti, la generosità e l’intelligenza di altri, partecipando alla ricerca di soluzioni per il riscatto della Sicilia. Ci sono stati gli attacchi della mafia, con la chiara percezione dei silenzi e della contiguità di alcuni esponenti politici e il coraggio di altri, in particolare di quelli che hanno pagato con la loro vita l’azione di contrasto alla criminalità. Questo racconto vuole dire delle delusioni che sono seguite a molte speranze, a scelte che avevano il segno del rinnovamento, appannate o prive della forza per dispiegare fino in fondo le loro potenzialità. Il libro parla della ricerca del ruolo alternativo dei partiti di sinistra, delle loro battaglie e della loro compromissione.

Venerdì 29 luglio alle 21,30 sarà la volta del concerto del Tatum Art Jazz Quartet ad allietare la serata estiva con l’affabulazione del jazz siciliano.

Non di recente formazione il TATUM ART JAZZ QUARTET  esplora il jazz degli anni 60 attraverso i  grandi autori che lo hanno modernizzato, da Joe Henderson, Herbie Hancock, Bill Evans, Chick Corea e tanti altri ancora.

 Con il supporto degli esperti  Toti Cannistraro al piano e Pietro Ciancaglini al contrabasso il quartetto  presenta due dei nuovi giovani talenti trapanesi: il sassofonista Giovanni Balistreri e il batterista Joe Santoro.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteMigranti: quasi mille su navi Ong
Articolo successivoDonna uccisa a Catania, fermato figlio minorenne