Scettro e sirena, nuove scoperte a Selinunte

1674

Archeologo Marconi “ritrovamenti importantissimi”

Un’agorà di quasi 33 mila metri, la più grande del mondo antico che torna a mostrare i suoi confini.

E poi i resti sull’acropoli di quello che sembra essere stato il luogo sacro dei primi coloni greci di Selinunte.

Ma anche amuleti, una preziosa sirena in avorio e uno stampo in pietra usato per fondere uno scettro in bronzo. Sono le scoperte della campagna di scavi guidata dall’archeologo Clemente Marconi e che vede insieme l’Institute of Fine Arts della New York University e l’Università degli Studi di Milano con l’Istituto Archeologico Germanico. “Ritrovamenti importantissimi”, sottolinea all’ANSA Marconi. (ANSA).

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteMarsala: blitz a sorpresa della Polizia di Stato nel quartiere Amabilina
Articolo successivoTurista finlandese violentata, quattro ragazzi sospettati