Licata, mafia e massoneria: dieci condanne in appello

1075

Gli interessi dei boss e gli intrecci con il mondo dell’imprenditoria

Si conclude con la condanna di tutti gli imputati il processo di Appello scaturito dalla maxi inchiesta Halycon-Assedio che ha portato alla luce gli interessi della famiglia mafiosa di Licata e gli intrecci pericolosi con il mondo dell’imprenditoria, della politica e della massoneria siciliana. I giudici della terza sezione penale presieduta da Antonio Napoli, accogliendo la richiesta del sostituto procuratore generale Maria Teresa Maligno, hanno disposto 10 condanne (per tutti gli imputati cade l’aggravante dell’avere riciclaggio aggravato) per quasi un secolo di carcere. Venti anni e quattro mesi di reclusione sono stati inflitti, con il vincolo della continuazione con due precedenti sentenze di condanna, al boss Angelo Occhipinti, ritenuto il nuovo capo della famiglia di Licata.

Le novità rispetto al primo grado

Le principali novità, rispetto alla sentenza di primo grado in cui erano stati assolti, sono rappresentate dalle condanne ad 8 anni di reclusione di Vito Lauria, 52enne tecnico informatico, massone, figlio del boss Giovanni (alias “u prufissuri”), e di Angelo Graci a 2 anni e 6 mesi di reclusione per favoreggiamento personale aggravato. Raimondo Semprevivo, 49 anni, ritenuto il braccio destro del boss Occhipinti nonché ex genero, è stato condannato a 9 anni di reclusione (in primo grado erano stati 12 anni). Sconti di pena anche per gli altri imputati: 8 anni di reclusione (in primo grado erano stati 10 anni e 8 mesi) per il funzionario della Regione Sicilia Lucio Lutri, 63 anni, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa per aver “acquisito e veicolato agli appartenenti alla famiglia mafiosa informazioni riservate circa l’esistenza di attività di indagine a loro carico” sfruttando il suo ruolo di maestro venerabile della loggia massonica “Pensiero ed Azione” di Palermo; Giuseppe Puleri, 43 anni, imprenditore, ritenuto membro della famiglia mafiosa di Campobello di Licata; il farmacista Angelo Lauria, 48 anni; Giacomo Casa, 67 anni, pastore, ritenuto uno dei membri del clan licatese.
fonte livesicilia.it

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIncidente mortale a Custonaci
Articolo successivoBorsellino: dalle carte del Csm previsione di altre stragi