Bancarotta: ex presidente Reggina arrestato da Gdf Catania

663

CATANIA. La Guardia di finanza di Catania ha eseguito un’ordinanza agli arresti domiciliari per bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale nei confronti dell’imprenditore Luca Gallo, rappresentante legale e amministratore delegato di ‘M & G Coop. Multiservizi Italia soc.
coop. in liquidazione’ e ‘M&G Coop. Multiservizi soc.coop. in liquidazione’. Nei confronti dell’ex presidente della Reggina Calcio il Gip ha disposto anche il sequestro preventivo di beni per circa 1.590.000 di euro e il divieto di esercitare l’attività imprenditoriale per un anno. Il provvedimento era stato richiesto dalla Procura di Catania nell’ambito di indagini del nucleo Pef della Guardia di finanza sulle due società che erano operative nel settore servizi di sostegno alle imprese e della somministrazione di lavoro interinale alle imprese e dichiarate fallite nei primi mesi del 2021. Altri tre indagati sono stati denunciati in stato di libertà per gli stessi reati.
Secondo l’accusa, Gallo avrebbe effettuato “la sottrazione e la distruzione delle scritture contabili, in modo da non rendere possibile la ricostruzione del patrimonio e degli affari” e “distratto del complesso aziendale della ‘M&G Coop.
Multiservizi'” in suo favore per “circa 1.590.000 euro”.
Per la Procura “l’indagato non avrebbe proceduto al reintegro del capitale sociale, risultato azzerato, o alla messa in liquidazione e scioglimento delle menzionate società, così presumibilmente aggravando la relativa esposizione debitoria stimata, complessivamente, in oltre 70 milioni di euro”. (ANSA).

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteGoverno: appello bipartisan a Draghi da 55 sindaci siciliani
Articolo successivoDroga e coltello in casa: denunciato un giovane di Favignana