Borsellino: Maria Falcone, amarezza per sentenza depistaggio

348

“Ancora una volta negata verità piena su vicenda inquietante”

“Premesso che tutte le sentenze vanno rispettate e che, soprattutto in casi così complessi, è fondamentale leggere le motivazioni, come sorella di Giovanni Falcone e come cittadina italiana, provo una forte amarezza perché ancora una volta ci è stata negata la verità piena su uno dei fatti più inquietanti della storia della Repubblica”.

Lo dice Maria Falcone, sorella del giudice Giovanni Falcone, ucciso dalla mafia a Capaci, in merito alla sentenza, di ieri, del tribunale di Caltanissetta nel processo sul depistaggio delle indagini sulla strage di Via D’Amelio.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLa Guardia di Finanza scopre 22 lavoratori in nero nel settore turistico-alberghiero del Trapanese
Articolo successivoReddito di cittadinanza: centinaia di indagati per truffa