Martinciglio resta. La deputata mazarese è rimasta poco con Di Maio e torna nei 5 Stelle

990

La deputata mazarese è rimasta poco con Di Maio e torna nei 5 Stelle

L’avvocato mazarese Vita Martinciglio è tornata tra i 5 Stelle dopo aver abbandonato il movimento per seguire lo scissionista Luigi Di Maio. Una decisione la sua che fu letta come lo strappo definitivo con l’ex premier Giuseppe Conte. Tra i due diversi sono stati gli screzi politici, ultimo quello che ha visto la parlamentare mazarese defenestrata dall’incarico di capogruppo dei pentastellati in commissione Finanze alla Camera. L’adesione dell’on. Martinciglio al gruppo “Insieme per il Futuro” , guidato dal ministro degli Esteri Di Maio, è durata pochissimo. Ad annunciare il ritorno nel movimento 5 Stelle è stata lei stessa con un post su Facebook.

“Non ho mai chiesto nulla a nessuno. Non ho mai chiesto incarichi, non ho mai chiesto poltrone, non ho mai chiesto visibilità. L’unica cosa che ho sempre chiesto – e ho sempre cercato di fare – è lavorare. Di lavorare per il bene dei cittadini e per portare avanti i temi del Movimento. Nel momento in cui non ci sono state le condizioni per lavorare serenamente ho pensato di reagire e fare qualcosa. Conosco Luigi Di Maio dal primo giorno, la mia avventura col Movimento inizia proprio con lui. Per molti e per molto tempo lui è stato il Movimento. Quando ha proposto un’alternativa – a una situazione che si era un po’ paralizzata – il magone che covavo dentro ha preso il sopravvento e mi ha portato a fare quella scelta. Ma il Movimento non è una persona. Il Movimento è un progetto che va al di là della stima, dell’amicizia, dei rancori, delle incomprensioni. Ho capito quindi di aver fatto una scelta forse troppo affrettata. Motivo per cui, dopo un chiarimento con il Presidente Giuseppe Conte, ho deciso di tornare nel posto dove, nonostante tutto, mi sento ancora a casa”

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIpotizzata associazione a delinquere, corruzione e truffe a Europa, Stato e Regione
Articolo successivoTerza intimidazione per il giornalista jose’ trovato. Solidarietà’ Assostampa Sicilia