Il Partito Democratico di Valderice fa il punto sul porto di Bonagia

315

VALDERICE. Con una nota stampa della Segretaria Comunale del Pd di Valderice, Sabrina Cucciardi, il circolo valdericino fa il punto sul porticciolo turistico di Bonagia.

Di seguito il testo integrale: La nostra cultura politica – si legge nella nota stampa – ci ha sempre tenuto lontani dalle polemiche pretestuose e dalla facile propaganda, ma è assolutamente insopportabile dal punto di vista politico ed anche morale, ascoltare ed assistere ad una vera e propria pantomima sulla vicenda del presunto finanziamento del porticciolo turistico di Bonagia.

Mistificare la realtà dei fatti tentando di raggirare i cittadini valdericini non è consentito a nessuno, a maggior ragione al Sindaco. Ci troviamo di fronte ad un gioco di documenti e di
carte che non affermano nulla di concreto. E’  stata seguita una procedura illegittima e spregiudicata da parte di un governo, quello regionale, che eccelle soltanto in chiacchiere ed in colpi ad effetto che non hanno alcun contenuto concreto. Non c’ è alcun finanziamento per il porto di Bonagia è bene ribadirlo. La delibera della Giunta di governo della regione è un contenitore vuoto anche perché lo Stato non ha trasferito alla Regione le risorse del Fondo di Sviluppo e Coesione. Delibera che, fra l’altro, non ha rispettato le norme che regolano l’utilizzo di detto fondo, che impongono procedure di evidenza pubblica. Nel documento che alleghiamo indichiamo tutti i passaggi di una sconsiderata mossa mediatica, posta in essere solo per fini elettorali, che finirà per ritorcersi sui suoi stessi protagonisti, perché un dato è sicuro. Non molleremo di un millimetro rispetto ad una notizia farlocca che è stata lanciata soltanto per raccogliere qualche voto alle prossime Regionali a favore del peggior governo che la Sicilia abbia mai avuto. Questo non è modo di fare politica. Si tratta, invece, di millantato credito politico che rende sempre più perplesso il cittadino elettore.

Il Partito Democratico di Valderice è nelle condizioni di smascherare, punto su punto, una
rappresentazione dei fatti che non esiste e che segna una nuova caduta di stile di un Sindaco che, dopo quattro anni di stagnazione, sente avvicinarsi il momento anche della verifica elettorale comunale e comincia a temerla. Il nostro senso di responsabilità ci impone di denunciare una manovra politica che non ha a che fare con gli interessi del territorio e che aggiunge poco o nulla all’annosa vicenda del porticciolo turistico di Bonagia.

Il Pd si batterà per realizzare il porticciolo turistico di Bonagia. La buona politica e il bene
comune prima di tutto.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedentePrimarie, l’assalto dei sabotatori “last minute”. Fava: «No a Lombardo, c’è chi avvelena i pozzi»
Articolo successivoSono circa 850 le persone a bordo di navi ong che chiedono un porto sicuro