A Mazara del Vallo Casa per donne in difficoltà

329

A MAZARA DEL VALLO S’INAUGURA UNA CASA PER donne IN DIFFICOLTà

Si terrà a Mazara del Vallo, martedì 10 maggio, alle ore 11, l’inaugurazione della Casa fraterna “Santa Teresa di Calcutta e Beata Vincenza Maria Poloni”, destinata all’accoglienza gratuita di donne in difficoltà e con figli minori. L’immobile è stato recentemente ristrutturato, e arredato grazie ai fondi 8×1000 e ad alcune donazioni private. La casa è di proprietà dell’Opera di religione “Mons. Gioacchino Di Leo” e si trova in via San Giovanni, 18. Benedirà i nuovi locali arredati il Vescovo monsignor Domenico Mogavero. La struttura potrà ospitare sino a 13 persone.

A SALEMI PER TRE GIORNI ESPOSTE LE RELIQUIE DEL BEATO HERNàNDEZ

Le reliquie del Beato Josè Gregorio Hernàndez saranno ospitate per tre giorni presso la chiesa del Ss. Crocifisso a Salemi. Si tratta di un piccolo drappo del camice che utilizzava per il lavoro il medico Hernàndez. L’accoglienza avverrà venerdì 6 maggio, alle ore 17,30, presso piazza Riformati e a seguire santa messa in chiesa. Sabato 7 maggio: ore 18, santa messa con preghiera di benedizione sugli infermi (la chiesa rimarrà aperta dalle 16,30 per il pellegrinaggio dei fedeli). Domenica 9 maggio: ore 9,30, santa messa; ore 18, celebrazione eucaristica presieduta dal Vescovo, con preghiera di benedizione sugli operatori sanitari. Nato in Venezuela, Josè Gregorio Hernàndez a 18 anni si è iscritto alla facoltà di Medicina dell’Università di Caracas, laureandosi il 29 giugno 1888. Grazie al Presidente del Venezuela, Paul Rojas, venne inviato in Europa, precisamente a Parigi e Berlino, per due anni di approfondimento. Si specializzò in Microbiologia e Batteriologia, Istologia normale e patologica e Fisiologia sperimentale. Il 7 dicembre 1899 aderì all’Ordine Francescano Secolare. Desiderando consacrarsi a Dio come monaco certosino, partì per l’Italia: il 16 luglio 1908 entrò nella Certosa di Farneta, diventando fra Marcello. Dopo nove mesi, per ragioni di salute, dovette tornare in patria. Quando la sua università venne chiusa per ragioni politiche, colse l’occasione per cominciò gli studi teologici presso il Collegio Pio Latino Americano a Roma. Tuttavia, otto mesi dopo, dovette tornare a Caracas, ancora a causa della sua salute. Il 29 giugno 1919, mentre usciva da una farmacia di Caracas, dove aveva comprato delle medicine per un’anziana paziente, fu investito da un’automobile: morì dopo essere stato portato in ospedale. La sua beatificazione fu celebrata il 30 aprile 2021 nella chiesa di San Giovanni Battista de La Salle, presso l’Istituto La Salle La Colina a Caracas, sotto il pontificato di Papa Francesco.