Marsala, appiccò l’incendio in un santuario: condannato

420

Nell’estate 2021 le fiamme danneggiarono l’altare e il libro del Vangelo

La condanna è più pesante di quella chiesto dal pubblico ministero. Giuseppe Montalto è stato condannato a due anni e otto mesi di carcere. La sentenza è del giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di marsala, Riccardo Alcamo.

Nell’agosto 2021 l’uomo entrò del Santuario Opera nostra signora di Fatima, in contrada Birgi Nivaloro con due bombole di gas. Appiccò il fuoco e scappò.

Fece in tempo a bruciare parte dell’altare, danneggiando anche il libro del Vangelo, ma non innescò l’esplosione che avrebbe potuto devastare l’edificio religioso. Per fortuna passava lì per caso un mezzo dei vigili del fuoco che tornava dalle campagne dopo avere spento un incendio.

L’uomo sebbene ustionato riuscì a fuggire via. Quando i poliziotti lo rintracciarono aveva le mani ustionate. Il giudice ha riconosciuto un danno da 123 mila all’Istituto servi del cuore immacolato di Maria, parte civile con l’assistenza dell’avvocato Stefano Cultrera.

Fonte livesicilia.it

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteOperazione “Limes”: Famiglia mafiosa di Belmonte Mezzagno, 9 arresti
Articolo successivoIl sindaco Forgione a Roma con il direttivo dell’Ancim per l’incontro con la ministra Carfagna