Trasportava oltre mezzo chilogrammo di cocaina in macchina

437

Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Ragusa nell’ambito di potenziati servizi di controllo economico del territorio predisposti al fine di contrastare fenomeni illeciti perpetrati nella provincia iblea hanno proceduto all’arresto di un quarantenne ragusano che trasportava oltre mezzo chilogrammo di cocaina in macchina.

Venerdì  scorso infatti all’altezza dello svincolo stradale Ragusa Nord i finanzieri fermavano una autovettura che procedeva a velocità  sostenuta il cui conducente, all’atto del controllo manifestava sin da subito un evidente stato di agitazione ed insofferenza.

Da un sommario riscontro del mezzo veniva rilevata la presenza di una busta incastrata nell’intercapedine tra il sedile passeggero e la plancia con all’interno una ulteriore busta trasparente in cellophane riportante la scritta 500 gr. Il contenuto appariva per aspetto e consistenza simile alla sostanza stupefacente tipo cocaina.

Rientrati in caserma i militari procedevano all’analisi speditiva della sostanza mediante utilizzo di appositi reagenti in dotazione i quali confermavano la classificazione dello stupefacente in cocaina per complessivi 516 grammi.

Dato l’elevatissimo grado di purezza, la stessa avrebbe consentito un “taglio” tale da quadruplicare ilquantitativo ed il conseguente guadagno illecito stimato in oltre 200 mila euro.

Sono scattate dunque le manette per il corriere che   stato prontamente accompagnato presso la Casa Circondariale di Ragusa per essere messo a disposizione dell’Autorit  Giudiziaria.
Il consumo e l’abuso di sostanze stupefacenti   un fenomeno tristemente in crescita nel nostro Paese e rappresenta una delle primarie fonti di finanziamento della criminalit  organizzata. Il sequestro operato dalla Fiamme gialle Iblee evidenzia il costante impegno profuso quotidianamente dalla Guardia di Finanza a contrasto di ogni forma di illecito che si insinua nel territorio in un momento di incertezza generale derivante sia dall’emergenza epidemiologica che dai precari equilibri internazionali.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteGiuseppe Casabella confermato segretario territoriale Filbi Uil Trapani
Articolo successivoPresentata la 74a Stagione del Luglio MusicaleTrapanese