Mazara del Vallo. Arrestati tre pregiudicati

461

I Carabinieri della Compagnia di Mazara del Vallo hanno arrestato 3 persone, tutte pregiudicate, in forza di altrettante ordinanze emesse dall’Autorità Giudiziaria.

In particolare, in ottemperanza al provvedimento emesso dall’Ufficio di Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica di Marsala, i Carabinieri della Stazione di Salemi hanno arrestato un 42enne del posto. Quest’ultimo, infatti, avrebbe violato gli obblighi derivanti dalla misura dell’affidamento in prova ai servizi sociali, cui lo stesso era sottoposto, accompagnandosi in diverse occasioni con persone pregiudicate, già condannate in via definitiva per spaccio di sostanze stupefacenti. Al termine delle formalità di rito, l’uomo è stato condotto presso la casa circondariale “Pietro Cerulli” di Trapani per il proseguo della pena.

A Campobello di Mazara, i Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato un 67enne su provvedimento del Tribunale di Sorveglianza di Palermo. L’uomo è accusato di furto aggravato di energia elettrica, perpetrato dal 2013 al 2017, e omessa dichiarazione annuale d’imposta, reati per cui era stato denunciato in stato di libertà dai Carabinieri della Stazione a seguito di mirati accertamenti. Lo stesso, al termine delle formalità di rito, è stato condotto presso la propria abitazione in regime di detenzione domiciliare dove dovrà scontare la pena residua di 1 anno e 8 mesi di reclusione.

Infine, in esecuzione del provvedimento emesso dall’Ufficio di Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica di Marsala, i Carabinieri della Stazione di Mazara del Vallo hanno arrestato un 35enne del posto. L’uomo, che deve rispondere di furto aggravato, danneggiamento e ricettazione, è stato ristretto presso la propria abitazione in regime di detenzione domiciliare che durerà di 1 anno e 1 mese.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“Sia ripristinato servizio vigilanza h24 presso il metanodotto di Mazara”
Articolo successivoSicilia. Cracolici: delibera giunta Musumeci riduce la Regione ad un “mercato elettorale”