Confiscati beni per 6 mln euro a imprenditore scommesse on line

2543

Sigilli a patrimonio emesso da tribunale di Palermo

Un fermo immagine tratto da un video della Polizia di Stato mostra un momento dell’operazione che ha portato al sequestro patrimoniale per un valore complessivo di circa 6 milioni di euro nei confronti di Benedetto Bacchi, di 46 anni, e Francesco Nania, di 50, 26 gennaio 2019.
ANSA/ POLIZIA – UFFICIO STAMPA
++HO – NO SALES EDITORIAL USE ONLY++

PALERMO. La polizia di Stato ha confiscato i beni di Benedetto Bacchi, 50 anni, per circa 6 milioni di euro.

Il provvedimento è stato emesso dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo su proposta del questore Leopoldo Laricchia.

Sono scattati i sigilli per 10 beni immobili, 7 società operanti nel settore edile e in quelle dei giochi e scommesse, delle quali alcune ubicate a Malta, 4 veicoli, 6 rapporti finanziari, una quota societaria e diritti di credito pari ad 300.000 euro di una impresa operante a Terni.
Bacchi, imprenditore del settore dei giochi e delle scommesse online, è stato arrestato nel corso dell’operazione Game Over della squadra mobile di Palermo. Secondo l’accusa ci sarebbe stata nella gestione del sistema di scommesse “l’interesse della mafia sia nella distribuzione sul territorio delle sale gioco e scommesse” .
Bacchi, secondo i magistrati avrebbe goduto del sostegno della famiglia mafiosa di Partinico ed, in particolare, di Francesco Nania, 52 anni, oltre che delle famiglie mafiose palermitane di San Lorenzo, Resuttana, Porta Nuova, Noce e Brancaccio.
L’imprenditore in primo grado è stato condannato lo scorso 26 ottobre a 18 di carcere accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, concorrenza sleale aggravata dal metodo mafioso e per i reati, anche questi aggravati dalla predetta circostanza, di associazione per delinquere finalizzata all’esercizio abusivo dell’attività di gioco e scommesse, truffa aggravata, trasferimento fraudolento di valori, impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita. Tra i beni confiscati anche una villa in viale Margherita di Savoia nella località balneare di Mondello.
Con lo stesso decreto gli è stata, inoltre, applicata la misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno per la durata di anni tre. (ANSA).

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSicilia. Lupo, centrodestra in coma profondo pensa solo a litigare sulle elezioni, ma che fine ha fatto la finanziaria?
Articolo successivoPace, Ambiente e Diritti, una fiaccolata per inviare un messaggio ai cittadini e ai politici