Presunti maltrattamenti e sequestro di persona

903

I Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Trapani hanno sottoposto un 34enne residente a Milano ma di fatto domiciliato a Erice, alla misura cautelare del divieto di avvicinamento alla persona offesa con l’applicazione del braccialetto elettronico cd. anti stalking.

Tale provvedimento, emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Trapani su richiesta della locale Procura della Repubblica, scaturisce dalle risultanze che i Carabinieri hanno raccolto nel corso dell’attività d’indagine intrapresa a seguito della denuncia sporta da una donna del posto.

In particolare, sono stati acquisiti gravi indizi di colpevolezza a carico dell’uomo, in merito all’ipotesi di reato di maltrattamenti in famiglia e sequestro di persona. L’indagato, infatti, da circa un anno, avrebbe posto in essere soprusi soprattutto di natura psicologica nei confronti della zia, consistiti in ingiurie e minacce di morte, anche al fine di ottenere somme di denaro. In alcune circostanze, l’uomo avrebbe anche impedito alla donna di uscire di casa, serrando la porta dell’abitazione senza lasciarle la disponibilità delle chiavi. Tutto ciò, nel corso dei mesi, avrebbe ingenerato nella donna un perdurante stato di ansia e di timore per la propria vita.

Le indagini degli inquirenti proseguono al fine di raccogliere ulteriori riscontri investigativi.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteDroga: 1,5 kg cocaina a imbarcaderi, arrestati tre corrieri
Articolo successivoTrapani. I Carabinieri incontrano gli alunni dell’Eugenio Pertini per il progetto “Un albero per il Futuro”