Mazara del vallo . Presunta compravendita di droga per oltre 7 mila euro: i carabinieri arrestano 2 persone

794

I Carabinieri della Stazione di Mazara del Vallo e della Sezione Radiomobile, a conclusione di un mirato servizio di controllo del territorio finalizzato al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, hanno arrestato un 46enne del posto, già pregiudicato per reati specifici e una 27enne di origine straniera per l’ipotesi di reato detenzione di sostanza stupefacente in concorso.

In particolare, i Carabinieri hanno attuato una discreta attività di osservazione e controllo dei movimenti del 46enne avendo validi motivi per ritenere che fosse dedito allo spaccio di droga e che si rifornisse da persone provenienti da Palermo. Tra l’altro, l’uomo è fratello di noto pregiudicato del posto arrestato lo scorso febbraio per il possesso di quasi 2 kg di hashish occultati in uno zaino nascosto in una stradina di campagna.

L’attività eseguita ha permesso di assistere all’incontro, presumibilmente finalizzato alla compravendita di droga, avvenuto tra l’uomo e la 27enne giunta con un autobus di linea da Palermo.

Al momento ritenuto più opportuno, i Carabinieri sono intervenuti, senza dare la possibilità all’uomo e alla donna di darsi alla fuga, per eseguire delle perquisizioni.

Nella circostanza, la donna è stata trovata in possesso di 21 ovuli di eroina del peso complessivo di 210 grammi abilmente occultati sulla sua persona, mentre l’uomo portava con sé alcune mazzette di contanti pari a 7.300 euro, di cui aveva cercato invano di sbarazzarsi.

Durante la perquisizione dell’abitazione dell’uomo, i Carabinieri hanno rinvenuto una modica quantità di eroina e altri 600 euro in contanti.

Dati i gravi indizi di colpevolezza raccolti sia nelle pregresse indagini che durante l’operazione anti droga, i Carabinieri hanno arrestato entrambe le persone coinvolte.

Le stesse, su disposizione del Sostituto Procuratore di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Marsala, sono state ristrette presso le camere di sicurezza del Comando Compagnia fino alla convalida dell’arresto di fronte al competente Giudice per le Indagini Preliminari che ha applicato nei loro confronti la misura cautelare della custodia cautelare in carcere.

Inoltre, in quanto percettori di reddito di cittadinanza, i due arrestati sono stati segnalati per la sospensione del beneficio.

Le indagini degli inquirenti proseguono al fine di raccogliere ulteriori riscontri investigativi.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIncidenti stradali: un morto e 4 feriti sulla Palermo-Catania
Articolo successivoGiallo omicidio agricoltore, arrestati moglie e miglior amico