Covid: Fava, Razza moralmente decaduto da assessore

647

PALERMO. “Al di là del rilievo penale, sul quale altri giudici dovranno pronunciarsi, le accuse della Procura della Repubblica di Palermo nei confronti dell’assessore Razza e dei suoi più stretti collaboratori confermano un fatto, in sé moralmente più grave dell’ipotesi di reato.

Quello cioè che sulle piattaforme informatiche del Ministero della Salute e dell’Istituto superiore di Sanità furono caricati dati falsi sul Covid”.

Lo dice Claudio Fava, presidente della Commissione antimafia dell’Assemblea regionale siciliana, dopo le notizie sulla chiusura delle indagini della Procura di Palermo che coinvolgono l’attuale assessore alla salute del Governo presieduto da Nello Musumeci.

    “Di fronte a questa certezza, non può che indignare il tradimento del patto di lealtà con i siciliani rispetto alla tutela della loro salute. Indignazione – aggiunge Fava – che va ben oltre il ‘disegno criminoso’ di cui parla la Procura.

    Qualunque cosa decida di fare Razza, da oggi moralmente non è più l’assessore alla salute di alcuno”. (ANSA).

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteTrapani: aggravamento di misura cautelare 21enne va in carcere
Articolo successivoCastelvetrano. Un uomo sorpreso con un’ascia e un coltello: denunciato. Scoperto anche il presunto autore di un furto in un albergo