Politiche giovanili: riaperte le adesioni alla consulta

281

Entro il 31 marzo si può presentare richiesta al protocollo o tramite pec

Riaperte le iscrizioni per il rinnovo delle cariche della consulta giovanile: possono richiedere di farne parte residenti a Castellammare del Golfo di età compresa fra 16 ed i 29 anni come da regolamento approvato dal consiglio comunale nel 2018.

Per chiedere di aderire occorre presentare, entro il 31 marzo,  apposito modulo pubblicato all’albo pretorio sul sito internet comunale (www.comune.castellammare.tp.it) al protocollo di corso B. Mattarella 24 o tramite pec (comune.castellammare.tp@pec.it)

«Invitiamo a nuove iscrizioni tutti i giovani interessati a far parte della consulta che vogliano spendersi per le politiche giovanili ridando vigore ad uno strumento -affermano il sindaco Nicolò Rizzo e l’assessore alle Politiche Giovanili Brigida Di Simone- che svolge un’importante funzione propositiva collaborando con l’amministrazione ed il consiglio comunale, che vi è rappresentato, su temi riguardanti i giovani con iniziative di valore come quelle portare avanti in questi anni riguardanti la promozione di attività culturali ed ambientali».

Reinsediatasi nel 2019 con il nuovo statuto e regolamento votati favorevolmente dal consiglio comunale, la consulta giovanile è tenuta a rinnovare periodicamente le cariche: è presieduta di diritto dall’assessore alle Politiche Giovanili, attualmente la vicesindaco Brigida di Simone che, in quanto consigliere comunale, era componente del consiglio direttivo con l’altra consigliera di maggioranza eletta, Fabiana Napoli, dimessasi per impegni, ed il consigliere di minoranza Giovanni D’Aguanno.

 Dopo l’apertura alle nuove e adesioni dovrà essere rinnovato il consiglio direttivo nominando vicepresidente e segretario.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAlcamo: sono iniziati i lavori di scerbatura delle strade alcamesi
Articolo successivoAdesione Tesé a Italia Viva. Scala: “Adesione in sintonia e armonia con il progetto politico che fa riferimento all’area moderata e riformista”